Il vaccino contro il Covid è sicuro nei bambini?

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 27/10/2022 Aggiornato il 27/10/2022

Un’analisi svolta dai Centers for Disease Control and Prevention (Cdc) in concerto con la Food and Drug Administration (Fda) rivela gli effetti del vaccino contro il Covid nei bambini sotto i cinque anni e spiega perché sono sicuri

il vaccino anti covid è sicuro anche nei bambini

Pubblicati sul consueto bollettino settimanale dei Cdc, i risultati della ricerca evidenziano l’estrema sicurezza dei vaccini contro il Covid nei bambini con età compresa tra sei mesi e cinque anni. Ben il 98,1% delle reazioni fatte registrare sono, infatti, state classificate come non preoccupanti o serie.

Da che età si può vaccinare un bambino al covid?

Approvata a giugno dall’Fda (l’ente regolatorio americano per la sicurezza dei farmaci), la somministrazione dei vaccini per il Covid-19 è possibile già dai sei mesi, per Pfizer-Biontech  fino ai quattro anni, per Moderna fino ai cinque. Con circa un milione di bambini vaccinati a fine agosto, i ricercatori hanno avuto modo di studiare un campione ampio e variegato, procedendo con due diversi sistemi di raccolta delle reazioni avverse, uno standard e uno denominato “V-safe”.

Quali reazioni comporta il vaccino per il covid nei bambini?

I dati raccolti con il sistema standard hanno portato alla luce circa mille problematiche di cui, però, ben il 98,1% sono categorizzate come non serie. La gran parte delle segnalazioni (445) è da imputare a errori del personale, come per esempio per un dosaggio sbagliato. Entrando nello specifico, 197 bambini hanno avuto febbre, 95 reazioni cutanee, 79 hanno vomitato, 66 orticaria, 60 stanchezza. Diciannove, invece, le reazioni più serie, anche con convulsioni.

Come stanno i bambini dopo il vaccino anti covid?

Il metodo “V-safe”, condotto con questionari compilati dalle famiglie dei vaccinati, ha preso in esame poco più di 23mila piccoli e rivelato oltre 5mila reazioni locali in sede di somministrazione e circa 11mila reazioni sistemiche. Concentrando l’attenzione ai bambini fino a due anni, gli studiosi hanno riscontrato stati di irritabilità, febbre, difficoltà a dormire. Nei più grandi, invece, i problemi si sono palesati sottoforma di stanchezza, febbre e dolore al braccio.

 

 

 
 
 

In sintesi

È consigliato vaccinarsi al Covid durante la gravidanza?

Sì, gli esperti consigliano il vaccino Covid in gravidanza già a partire dal primo trimetre di gestazione, così da fornire anche al feto anticorpi contro il virus.

Che tipo di vaccino viene dato ai bambini nella fascia 5-11 anni?

Il vaccino pediatrico approvato dall’Ema, quello di Pfizer-Biontech. Nei più piccoli, però, la dose è di circa un terzo rispetto agli altri. La vaccinazione avviene in due dosi a tre settimane di distanza l’una dall’altra.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti