Covid, la mascherina a scuola può creare problemi di salute

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 02/10/2020 Aggiornato il 02/10/2020

Le mascherine chirurgiche proteggono i bambini dal Covid al rientro nelle scuole. Ma potrebbero esserci anche delle controindicazioni

Covid, la mascherina a scuola può creare problemi di salute

Stando a quanto dichiarato da Matteo Bassetti, direttore delle Clinica di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova, il binomio mascherina chirurgica – scuola, obbligato dalla situazione di emergenza dettata dal Covid, potrebbe nascondere delle insidie per la salute dei bambini.

Quali problemi per i bambini

Prendendo spunto dall’esperienza personale di utilizzo della mascherina e da un video sul tema postato sui social da Oms e Unicef, Bassetti sottolinea come l’utilizzo della mascherina a scuola possa portare gli studenti ad accusare sensazioni spiacevoli: dai semplici calore, fastidio e irritazione a meno sopportabili difficoltà respiratorie.

Sempre è difficile

Sulla medesima lunghezza d’onda le dichiarazioni del responsabile del Reparto malattie infettive del Sacco di Milano, Massimo Galli. Partendo dal presupposto di come, seppur auspicabile, sia impensabile ipotizzare ragazzi e bambini con la mascherina per cinque ore consecutive, Galli, sottolinea come l’importante è che le mascherine sia indossate all’ingresso e all’uscita da scuola. Sarebbe buona norma indossarle anche durante l’intervallo, ma – chiosa Galli – mi pare sia impossibile fare merenda indossando la mascherina.

Attenzione agli sforzi

Ripostando il documento di Oms  e Unicef e attaccando quanti lo criticano per le sue affermazioni sul tema, Bassetti traccia un parallelismo tra i problemi causati dalla mascherina negli adulti e i problemi che potrebbe causare agli studenti. Partendo dal fatto che indossare la mascherina riduce la capacità cardio-polmonare degli adulti sottoposti a sforzo, l’infettivologo trasla la situazione nei plessi scolastici. A scuola, argomenta Bassetti, gli sforzi si chiamano, per esempio, interrogazioni. Non si può dire che un bambino interrogato non stia vivendo una situazione di sforzo. Proprio per questo, secondo Bassetti, far indossare la mascherina a scuola rischia di mettere a repentaglio la salute degli studenti.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Ecco la procedura da tenere in caso di sintomi accostabili al Covid manifestati da un bambino.

 

Fonti / Bibliografia

  • WHO | World Health OrganizationWHO's primary role is to direct international health within the United Nations' system and to lead partners in global health responses.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti