Cure palliative: garantite solo a pochi bambini

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 14/07/2020 Aggiornato il 14/07/2020

In Italia sono circa 30mila i bambini che avrebbero il diritto di ricevere le cure palliative. Solo il 5% di loro, però, effettivamente le ottiene. Ecco perché

Cure palliative: garantite solo a pochi bambini

I bambini dovrebbero essere, insieme agli anziani, gli individui più tutelati e protetti. Purtroppo, non sempre è così. Nemmeno in presenza di malattie gravi. In Italia, infatti, solo il 5% dei piccoli con diagnosi di inguaribilità riesce a ricevere le cure palliative, ossia i trattamenti che aiutano a soffrire meno e a migliorare la qualità di vita, anche se per poco tempo. La denuncia arriva dalla Fondazione Maruzza.

La situazione in Italia

Quando si parla di malattie incurabili si pensa quasi sempre agli adulti. Invece, nemmeno i bambini sono risparmiati. Anzi: nel nostro Paese, ci sono circa 30mila minorenni affetti da una patologia non guaribile. Tutti loro avrebbero diritto, grazie alla legge 38, alle cure palliative, ossia le cure riservate alle persone in fase terminale. Si tratta di farmaci, trattamenti e supporti in grado di ridurre il dolore e le sofferenze e di migliorare la qualità di vita, gestiti da team di professionisti dedicati (non solo medici e infermieri, ma anche psicologi, fisioterapisti, assistenti sociali, guida spirituale e così via). Purtroppo, secondo la Fondazione Maruzza, solo il 5% di questi bambini riesce effettivamente ad avere gli aiuti previsti, nonostante la legge che li prevede sia stata approvata ben 10 anni fa.

Le ragioni di questa difficoltà

Per quali ragioni i bambini che ne avrebbero diritto non riescono a ottenere le cure palliative? La principale responsabilità è delle Regioni: in dieci anni, infatti, molte non si sono attivate per realizzare delle reti regionali di assistenza in terapia del dolore e cure palliative dedicate e specifiche per i minori. Addirittura, in alcuni casi non è nemmeno stata approvata la rete regionale di cure palliative pediatriche: un insieme funzionale e integrato di interventi che garantisce la continuità assistenziale h 24 e 365 giorni all’anno al bambino e alla sua famiglia.

Per queste ragioni, la Fondazione Maruzza ha lanciato un appello urgente al Ministro della Salute Roberto Speranza e avviato una petizione sulla piattaforma Change.org per rendere effettiva la Legge 38 sulle cure palliative.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Le cure palliative non vanno confuse con le pratiche di eutanasia: il loro obiettivo è rendere più sopportabile i dolori – fisici, psicologici e spirituali – che una malattia terminale comporta.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti