Cyberbullismo: nell’ultimo anno colpito il 6% dei ragazzi

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 05/09/2019 Aggiornato il 05/09/2019

Il 19%, invece, ha assistito a episodi di cyberbullismo. In questo caso i ragazzi si arrabbiano e si rattristano, ma non fanno nulla per difendere i coetanei dagli attacchi online

Cyberbullismo: nell’ultimo anno colpito il 6% dei ragazzi

Il 6% di bambini e ragazzi di età compresa tra i 9 e i 17 anni è stato vittima di cyberbullismo nell’ultimo anno, mentre il 19% ha assistito a questi episodi. I dati arrivano dall’indagine “EU Kids Online 2017”  realizzata su circa 1.000 giovani di entrambi i sessi dal Centro di ricerca sui media e la comunicazione dell’Università Cattolica del Sacro Cuore (OssCom) in collaborazione con il ministero per l’Università e la ricerca e l’Associazione Parole O_Stili.

Esperienze negative

Dal report, che ha l’obiettivo di monitorare accesso, usi, rischi e opportunità di internet per i ragazzi italiani, è emerso che è aumentata la percentuale degli adolescenti di entrambi i sessi che vivono esperienze negative navigando in Internet, passando dal 6% del 2010 al 13% del 2017.

Razzismo e discriminazione

Il 31% degli 11-17enni dichiara di aver visto online messaggi d’odio o commenti offensivi rivolti a individui o gruppi di persone, che sono stati attaccati per il colore della pelle, la nazionalità o la religione. Gli adolescenti italiani affermano che di fronte all’”hate speech” il sentimento più diffuso è la tristezza (52%) seguita da rabbia (36%), disprezzo (35%) e vergogna (20%), ma ammettono che nel 58% dei casi non hanno fatto nulla per difendere le vittime. In generale dai dati raccolti si evince che è in crescita l’esposizione, da parte dei ragazzi, a siti o blog con contenuti razzisti e discriminatori (33% degli intervistati).

Risposte passive

Davanti agli episodi di cyberbullismo e alle esperienze negative vissute online(), solo il 2% dei ragazzi e delle ragazze ha segnalato contenuti o contatti inappropriati ai gestori delle piattaforme. Il 10% ha reagito modificando le impostazioni della privacy, mentre il 22% ha bloccato i contatti molesti sui social network. È ancora molto alto il numero di giovani che adotta risposte passive, ignorando il problema o sperando che si risolva da solo (35%). Nel 25% dei casi non parlano con nessuno delle esperienze che li hanno turbati e nel 27% dei casi risolvono il problema chiudendo semplicemente la pagina web o l’app che stanno utilizzando.

 

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Lo smartphone è il principale strumento con cui i ragazzi accedono a internet, usato quotidianamente per andare online dal 97% dei ragazzi di 15-17 anni e dal 51% dei bambini di 9-10. Il 77% dei 9-17enni usa internet tutti i giorni per comunicare con amici e familiari e il 37% per fare i compiti a casa.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti