Dai pediatri arrivano 5 regole salva-cuore per i bambini

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 17/07/2019 Aggiornato il 17/07/2019

Fare sport, assumere pochi zuccheri, non esagerare col sale, controllare la pressione e non saltare la prima colazione: la prevenzione per una buona salute del cuore inizia da piccoli

Dai pediatri arrivano 5 regole salva-cuore per i bambini

La salute del cuore non è solo una questione da adulti. Tutt’altro: i pediatri della Società italiana di pediatria (Sip) spiegano che la prevenzione è bene che inizi sin dall’infanzia. Secondo gli esperti le cause scatenanti le complicanze cardiologiche affondano le radici nei primi anni di vita, e per questo motivo il Gruppo di Studio Ipertensione Arteriosa e Rischio Cardiovascolare della Sip ha realizzato un “Manuale sul Rischio Cardiovascolare in Età Pediatrica e Adolescenziale”, stilando 5 regole salva-cuore per i bambini.

L’alterazione vascolare

Gianni Bona, esperto Sip già ordinario di Pediatria, Università del Piemonte Orientale, spiega che i processi di alterazione vascolare, che sono la premessa delle patologie a carico di cuore e vasi sanguigni, iniziano nei primi 10 anni di vita: “In qualche modo il decadimento delle arterie comincia dal primo giorno di vita e interessa tutti: quello che cambia è la velocità con cui questi processi avvengono nelle diverse persone”.

I fattori di rischio

Diversi fattori di rischio che favoriscono lo sviluppo delle malattie cardiovascolari possono essere già presenti e attivi in età pediatrica. Tra questi i più importanti sono il sovrappeso e l’obesità (in Italia circa il 21% dei bambini tra 6-10 anni è in sovrappeso e il 9% è obeso). L’eccesso di peso ha contribuito inoltre a rendere frequenti in età pediatrica alcune alterazioni un tempo ritenute rare nel bambino: basti pensare che l’ipertensione arteriosa riguarda il 4% dei bambini tra 6 e 16 anni (e il 24% dei bambini obesi) mentre la prevalenza di ipercolesterolemia è stimata attorno al 7% nella fascia 6-19 anni.

Le 5 regole per i bambini (e i loro genitori)

  1. misurare la pressione arteriosa nel corso dei bilanci di salute sin dai 3 anni di età;
  2. ridurre l’apporto di sale nella dieta, ma anche il consumo di fruttosio contenuto in particolare nelle bevande zuccherate (soft drink, tè zuccherati, succhi di frutta);
  3. incentivare l’abitudine a una prima colazione completa che rappresenti almeno il 20- 25% delle calorie giornaliere, favorire l’utilizzo degli alimenti integrali e delle farine poco raffinate, che sono ricchi di fibre, meno assorbibili dall’intestino e producono una minora elevazione della glicemia;
  4. far praticare ai bambini regolare attività fisica (almeno 60 minuti al giorno di tipo vigoroso tra i 5 e i 17 anni, come consiglia l’Accademia Americana di Pediatria), favorire gli spostamenti a piedi e ridurre le attività sedentarie nel tempo libero;
  5.  favorire un tempo di sonno adeguato all’età di ogni bambino.

 

 

Da sapere!

Tra i nemici più acerrimi della salute del cuore del bambino ci sono anche il fumo passivo e quello di “terza mano”, ossia  quello che si deposita su mobili, pareti, vestiti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di tre anni con attacchi di rabbia: che fare?

04/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Pazienza, comprensione, disponibilità, affetto sono gli ingredienti che aiutano a contrastare le crisi di rabbia di un bimbo di tre anni. Ma comprendere la ragione di certe intemperanze è altrettanto importante.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti