Dall’ossitocina un aiuto per i bimbi autistici?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/02/2014 Aggiornato il 13/02/2014

Tutti la conoscono come ormone dell’amore, perché influenza il rapporto materno-filiale. Uno studio ora ipotizza l’utilità dell’ossitocina anche per i bimbi autistici 

Dall’ossitocina un aiuto per i bimbi autistici?

È chiamato “ormone dell’amore”, ma il termine scientifico è ossitocina. È un ormone prodotto dall’ipotalamo (zona del cervello) e sovraintende alla conservazione della specie. È fondamentale nella fase del parto, perché consente all’utero di contrarsi, è responsabile dei riflessi di eiezione del feto e interviene nella produzione del latte materno. Non solo: secondo studi recenti, è implicato anche nella formazione di un solido legame affettivo tra mamma e bebè. Infatti, l’ossitocina è definita anche ormone dell’amore perché coinvolta in ogni atto d’amore che riguarda l’uomo, ma anche “ormone dell’altruismo” o “prosociale”, poiché si attiva quando c’è una relazione con l’altro. Potrebbe essere questo il motivo per cui l’ossitocina può essere d’aiuto ai bimbi autistici, portandoli a superare le loro problematiche relazionali.

L’ormone in spray

Studiosi dell’Università di Yale (Stati Uniti) hanno preso in esame 17 bimbi autistici, tra gli 8 e i 16 anni. Somministrando loro l’ormone dell’amore in spray e analizzando le loro reazioni con uno scanner, hanno notato che i ragazzi mostravano più interesse per le foto di altre persone e avevano la parte del cervello dedicata alla socialità più sviluppata. Adesso resta da capire come applicare questa scoperta sull’ormone dell’amore alle terapie destinate ai bimbi autistici.

Un disturbo del comportamento

L’autismo è un tipo di disturbo pervasivo (o generalizzato) dello sviluppo, un insieme di disturbi a volte denominati anche “disturbi dello spettro autistico”, e compromette la capacità di una persona di interagire e comunicare con gli altri, interferendo quindi con gli aspetti più significativi dell’essere umano. È anche associato a comportamenti ripetitivi e routine rigide.

In breve

COLPITO UN BAMBINO SU 100

Secondo gli studi epidemiologici, effettuati in vari Paesi di tutto il mondo, l’autismo ha una prevalenza di un 1 bambino su 100-150; è quindi uno dei disturbi dello sviluppo più frequenti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti