Diabete giovanile: nuovo test predice complicanze

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/10/2017 Aggiornato il 16/10/2017

Un nuovo test potrebbe superare l’attuale esame per misurare la glicemia, rivelando anche se il diabete giovanile sta peggiorando

Diabete giovanile: nuovo test predice complicanze

Un nuovo test per predire il rischio di complicanze del diabete giovanile è stato messo a punto da un gruppo di ricercatori dell’Università Cattolica e dell’Università Campus Bio-Medico di Roma. Il nuovo metodo, se approderà alla pratica clinica, potrebbe in futuro mandare in pensione quello attualmente in uso, il cosiddetto esame dell’emoglobina glicata, che fornisce un’indicazione della glicemia media degli ultimi 2-3 mesi.

Colpiti bambini e adolescenti

Oggi si stimano oggi in Italia più di 15.000 bambini e giovani con diabete giovanile o di tipo 1 o insulino-dipendente, una patologia cronica autoimmune caratterizzata dall’aumento della concentrazione di glucosio nel sangue. Quando l’insulina è prodotta in quantità non sufficiente dal pancreas o le cellule dell’organismo non rispondono alla sua presenza, nel sangue si concentrano livelli di glucosio più alti del normale e ciò determina la comparsa della malattia. Non raramente la diagnosi di diabete giovanile è accompagnata da pericolose complicazioni (retinopatia, nefropatia, ipertensione): i sintomi, infatti, pur essendo specifici, non vengono sempre riconosciuti precocemente.

Importante prevenire i rischi

Ora, grazie agli studi degli scienziati italiani, potrebbe essere in arrivo un nuovo test per predire il rischio di complicanze del diabete giovanile: è basato su un software che analizza le immagini microscopiche di alcune cellule del sangue, misurando con semplicità e accuratezza il livello di gravità della malattia e quindi il rischio di complicanze. È utile anche per capire se il paziente gestisce bene la malattia, ovvero se tiene sotto controllo la glicemia nel lungo periodo.

Importanti i controlli

In attesa del nuovo test per predire il rischio di complicanze del diabete giovanile, gli esperti ricordano l’importanza di un corretto monitoraggio della malattia. Un lavoro effettuato dall’Istituto di ricerche farmacologiche Mario Negri, Regione Lombardia e Ospedali Riuniti di Bergamo suggerisce che la visita diabetologica è fondamentale: le persone assistite dal diabetologo presentano infatti una mortalità ridotta del 29% rispetto ai diabetici non seguiti presso i centri specialistici.

 

Lo sapevi che?

È importante che bambini e ragazzi con diabete facciano sport: l’attività motoria riduce il rischio metabolico e cardiovascolare e modifica la percezione di essere “malati”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa: si può fare qualcosa per farla risalire?

27/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Con il passare delle settimane e l'aumento di dimensione dell'utero la placenta tende a spostarsi verso il fondo dell'utero in modo spontaneo, senza che vi sia bisogno di fare nulla per favorire la sua "migrazione".   »

Bimbo di tre anni che colora fuori dai bordi

23/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

E' normale che a tre anni il bambino non riesca ancora a colorare una sagoma senza uscire dai bordi, quindi insistere affinché lo faccia rappresenta solo un'inutile forzatura.   »

L’uso del cellulare è nocivo in gravidanza?

13/01/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Durante la gestazione, è davvero poco probabile, anzi si può quasi escludere, che l'utilizzo del telefonino possa avere ripercussioni negative sul bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti