Didattica a distanza: il 65% delle madri non la ritiene conciliabile con il lavoro

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 05/10/2020 Aggiornato il 05/10/2020

Da un’indagine dell’Università Bicocca di Milano emerge che gli aspetti negativi della didattica a distanza sono ritenuti preponderanti rispetto a quelli positivi

Didattica a distanza: il 65% delle madri non la ritiene conciliabile con il lavoro

Oggetto di discussione degli ultimi mesi, la didattica a distanza è stato l’unico modo per permettere agli studenti di concludere l’anno scolastico durante i mesi di lockdown dovuto al Covid-19. Ma è una tipologia di insegnamento che presenta sicuramente diverse criticità.

L’indagine dell’Università Bicocca

Un report nazionale realizzato da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienze umane per la formazione dell’Università Bicocca di Milano ha evidenziato come il 65% delle madri lavoratrici intervistate non ritiene conciliabile la didattica a distanza (Dad) con il lavoro.

L’analisi ha preso in considerazione le risposte di circa 7.000 genitori di bambini e ragazzi di scuola primaria e secondaria, per un totale di circa 10.000 bambini e ragazzi, attraverso un questionario online diffuso sui canali social. I ricercatori hanno approfondito in particolare come sono stati vissuti questi mesi di scuola “in casa” dai genitori.

Le opinioni delle mamme

Al questionario hanno risposto per il 94 per cento madri con un’età media di 42 anni e in grande maggioranza con un livello d’istruzione superiore. Per l’80% si tratta di donne lavoratrici che durante il lockdown hanno continuato a lavorare (67%), molte in modalità smartworking (57%). Per quanto riguarda i figli, sono rappresentati tutti gli ordini di scuola dalla primaria alla secondaria di II grado, anche se la maggioranza frequenta la scuola primaria.

Nello specifico, l’indagine ha poi analizzato 5 aree: i tempi, gli spazi, e le metodologie didattiche; la partecipazione alle attività didattiche e le relazioni a distanza; le emozioni prevalenti provate e i comportamenti osservati nei figli; i punti di forza e di debolezza delle modalità didattiche in remoto; desideri e timori sulla ripresa della scuola.

Il bilancio dell’esperienza

I genitori hanno riconosciuto come positivo il maggior utilizzo di tecnologie digitali per lo studio e la didattica; la possibilità di conoscere maggiormente le attività didattiche dei propri figli e l’acquisizione di nuove competenze digitali da parte dei bambini. Gli aspetti negativi – secondo i genitori – riguardano le relazioni a distanza con i compagni e con gli insegnanti; la quantità di compiti da svolgere, ritenuta spesso eccessiva; la scarsa varietà nella proposta didattica; il difficile bilanciamento del tempo dedicato alle lezioni, ai compiti e allo svago. Questi lati negativi sono ritenuti preponderanti dal 65% delle madri.  

 

 
 
 

Da sapere!

Il questionario ha fornito un interessante quadro generale non solo di com’è stata percepita e vissuta dai genitori l’esperienza della didattica a distanza, ma ha fornito moltissimi spunti di lavoro per il futuro.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Reazioni sulla pelle dopo il vaccino anti-Covid

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Rocco Russo

Le eventuali reazioni locali all'inoculazione del vaccino possono essere controllate con pomate a base di antistaminico.  »

Feto un po’ più grande rispetto all’atteso

12/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

La gravidanza può essere ridatata grazie a quanto rilevato con la prima ecografia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti