Difese immunitarie dei neonati: le femmine sono più forti dei maschi

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 16/08/2018 Aggiornato il 16/08/2018

Alla nascita le femmine hanno maggiori difese immunitarie dei maschi. Ecco con quali conseguenze

Difese immunitarie dei neonati: le femmine sono più forti dei maschi

Le difese immunitarie dei neonati non sono uguali per tutti. Alla nascita le femmine battono i maschi: è quanto emerge da uno studio dell’Università di Granada (Spagna), secondo cui le neonate possiedono maggiori difese antiossidanti e una minor presenza di stress ossidativo rispetto ai maschietti. Inoltre, per le donne che partoriscono figlie femmine, il travaglio risulta meno lungo e faticoso.

Ripercussioni sulla salute futura

Il team di ricercatori spagnoli è stato il primo a misurare lo stress ossidativo e l’infiammazione nei neonati e nelle donne che hanno appena partorito, osservando 56 donne incinte, che godevano di buona salute. Dopo il parto, gli studiosi hanno prelevato alcuni campioni ematici dai neonati dalle vene e dalle arterie dei cordoni ombelicali. Al termine dell’analisi, hanno scoperto che le difese immunitarie dei neonati alla nascita sono diverse tra maschi e  femmine e che il sesso dei bambini, influenzando le loro difese antiossidanti, potrebbe influire sullo sviluppo di malattie negli anni successivi. Le neonate femmine sarebbero in grado di affrontare lo stress ossidativo e l’infiammazione meglio dei maschi, sostengono i ricercatori, perché alla nascita possiedono sistemi enzimatici più sviluppati, che riducono i danni causati alle cellule e migliorano il metabolismo cellulare.

Mamme più protette

I ricercatori hanno anche scoperto che il sesso del neonato influisce sul benessere della mamma. I livelli d’infiammazione durante il travaglio sono risultati, infatti, più bassi tra le donne che hanno messo al mondo le femminucce. Inoltre, queste partecipanti hanno riportato meno danni ai complessi molecolari biologici e possedevano maggiori difese antiossidanti rispetto a chi aveva messo al mondo un maschietto. Non solo alla nascita le femmine hanno maggiori difese dei maschi: il genere del neonato determina anche il modo in cui la madre affronta il travaglio e le modalità con cui i bimbi si confrontano con l’ambiente extrauterino.

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Il sesso del neonato è un fattore decisivo per diverse alterazioni funzionali, con un impatto sul post-parto della madre e la salute del bambino nel resto della vita.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti