Dislessia & co.: online un “quaderno” per conoscere (e trattare) i Dsa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/05/2017 Aggiornato il 09/05/2017

Dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia: i disturbi specifici dell’apprendimento interessano il 5-15% della popolazione mondiale

Dislessia & co.: online un “quaderno” per conoscere (e trattare) i Dsa

Dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia: per comprendere più a fondo il mondo dei disturbi specifici dell’apprendimento (o Dsa), realtà che a livello mondiale interessa tra il 5 e il 15% della popolazione mondiale, l’Istituto Serafico di Assisi ha pubblicato online una guida consultabile da tutti.

Colpito fino al 5% dei bambini

A livello internazionale la prevalenza di tutti i Dsa di lettura, scrittura e calcolo varia dal 5 al 15%, in relazione alle diverse lingue e alle diverse culture. In Italia sono meno frequenti, ma comunque con un’incidenza tra la popolazione in età evolutiva stimata tra il 3 ed il 5%. In base al tipo di difficoltà specifica che comportano, i Dsa si dividono in dislessia, disortografia, disgrafia e discalculia.

Non solo dislessia

La dislessia è certamente, tra i Dsa, il disturbo di cui si parla più spesso. Viene definito come “disturbo specifico della lettura che si caratterizza per la difficoltà nell’effettuare una lettura accurata e fluente in termini di velocità e correttezza, e può avere ripercussioni sulla comprensione del testo”. Non è però l’unico: oltre alla dislessia ci sono anche la disortografia, la disgrafia e la discalculia.

Disortografia, disgrafia e discalculia

La disortografia è un disturbo specifico della scrittura che si manifesta con difficoltà nell’apprendere ad automatizzare le regole di conversione dei suoni in forma scritta e la corretta forma ortografica delle parole. La disgrafia è un disturbo specifico della componente esecutivo-grafica della scrittura, di natura motoria, inerente la difficoltà a imparare a scrivere in modo fluido, armonico e leggibile. La discalculia è un disturbo specifico delle abilità di calcolo con difficoltà importanti nell’automatizzazione dei processi di calcolo sia mentale sia scritto e, in generale, nel comprendere e operare con i numeri.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Questi disturbi dipendono da peculiari modalità di funzionamento delle reti neuronali coinvolte nei processi delle abilità di lettura, scrittura e calcolo. Non sono causati né da deficit di intelligenza o sensoriali, né da problemi ambientali o psicologici.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti