Dispositivi anti abbandono: scatta l’obbligo per i bambini

Elisa Carcano
A cura di Elisa Carcano
Pubblicato il 26/09/2018 Aggiornato il 26/09/2018

Dal primo luglio 2019 sarà obbligatorio installare dei dispositivi anti abbandono se si trasportano in auto bambini fino ai 4 anni di età. Modifiche al Codice della Strada e sanzioni fino alla sospensione della patente

Dispositivi anti abbandono: scatta l’obbligo per i bambini

Il Senato ha approvato definitivamente, con 261 voti a favore, un’astensione e nessun voto contrario il disegno di legge che rende obbligatori i dispositivi anti abbandono in auto per i bambini fino ai quattro anni. Il testo, già licenziato dalla Camera, non avendo subito modifiche al Senato, è ora legge dello Stato. L’obbligo scatterà dal primo luglio prossimo.

Cosa dice la legge

Dal primo luglio del 2019 le auto che trasportano bambini fino a 4 anni dovranno essere equipaggiate con un dispositivo elettronico che ne segnala la presenza. Il provvedimento si compone di quattro articoli e modifica l’articolo 172 del Codice della strada. In particolare inserisce tra le fattispecie sanzionate per il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per i bambini, anche l’assenza di un congegno di allarme. La violazione dell’obbligo sarà punita con una sanzione amministrativa da 81 a 326 euro e in caso di recidiva nell’arco di un biennio è prevista la sanzione accessoria della sospensione della patente da 15 giorni a due mesi.

Una campagna informativa

La legge demanda la definizione delle caratteristiche tecnico-costruttive e funzionali del sistema di allarme a un decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che dovrà essere varato entro sessanta giorni. Prevista anche la realizzazione di una campagna informativa (che sarà curata dal ministero delle Infrastrutture e del ministero della Salute) sul nuovo obbligo, sulle corrette modalità di utilizzo dei dispositivi e sui rischi derivanti dall’amnesia dissociativa.

Allo studio agevolazioni fiscali

Un altro articolo prevede infine che con appositi provvedimenti normativi possano essere previste agevolazioni fiscali, limitate nel tempo, nel rispetto della normativa europea sugli aiuti di Stato per agevolare l’acquisto dei nuovi apparati.

 

 

Da sapere!

L’amnesia dissociativa è un disturbo che si manifesta con l’incapacità di ricordare dati personali importanti. È il caso, per esempio, del genitore convinto di avere portato il bambino all’asilo, quando invece l’ha lasciato in auto ed è andato a lavorare.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti