Dispositivi anti-abbandono: slitta l’obbligo!

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 20/09/2019 Aggiornato il 20/09/2019

È di ieri la notizia che un bambino è morto a Catania perché "dimenticato" dal padre in macchina. Eppure una legge che obblighi a installare in macchina dispositivi anti-abbandono c'è ma manca il decreto attuativo. E nel frattempo continuano a succedere le catastrofi

Dispositivi anti-abbandono: slitta l’obbligo!

Aveva due anni e dormiva in macchina mentre il padre doveva portarlo all’asilo. Sono bastate 5 ore sotto il sole cocente perché non ci fossero più speranze per lui (e per la sua famiglia). Sembra una beffa ma  l’obbligo di installazione di dispositivi anti-abbandono in auto doveva partire dal primo luglio di quest’anno ma per un problema di tempi burocratici è slittato e non si sa quando sarà approvato definitivamente. Di sicuro dopo l’estate, il periodo però più a rischio per queste amnesie dissociative, che spingono i genitori ad abbandonare involontariamente il bambino in macchina convinti invece di averlo portato all’asilo o dai nonni e recarsi tranquillamente al lavoro.

Manca il decreto attuativo

Come denuncia l’associazione dei consumatori Altroconsumo, manca ancora il decreto attuativo del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che doveva definire le caratteristiche tecniche di questi sistemi per non abbandonare il piccolo in macchina e che sarebbe dovuto arrivare entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge 117/2018, ovvero entro il 27 dicembre 2018. Così non è stato e quindi, calcolando i vari tempi tecnici per l’approvazione definitiva, sarà necessario attendere almeno fino a metà novembre 2019.

Il rischio ipertermia

È davvero un peccato perché l’obbligo è molto utile proprio in estate, quando il caldo può aumentare i rischi di effetti drammatici. Nei nei mesi estivi, infatti, i bambini piccoli possono andare in ipertermia (innalzamento pericoloso della temperatura corporea) in meno di 20 minuti e morire in sole due ore. Basti pensare che i finestrini e la struttura interna della macchina possono causare il rapido innalzamento della temperatura all’interno di un veicolo, raggiungendo anche i 50-60 gradi in pochissimo tempo.

Da sapere

PERCHÉ C’È L’AMNESIA DISSOCIATIVA

L’incapacità temporanea di ricordare dati personali importanti e di avere vuoti di memoria è l’amnesia dissociativa ed è dovuta a stanchezza, stress e traumi. È il caso, appunto, del genitore convinto di avere portato il bambino all’asilo, quando invece l’ha lasciato in auto e lui è andato a lavorare. Si stima che questo tipo di amnesia sia all’origine della morte di almeno 600 bimbi nel mondo negli ultimi 20 anni.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti