Disturbi del linguaggio nei bambini: è allarme

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 30/06/2015 Aggiornato il 30/06/2015

Sono quasi 700.000 i bambini che soffrono di disturbi del linguaggio, tanto che si parla già di emergenza

Disturbi del linguaggio nei bambini: è allarme

I disturbi del linguaggio nei bambini sono in preoccupante aumento, tanto che si attesta a circa 700.000 il numero di bimbi che ne sono affetti. I disturbi del linguaggio si presentano anche per i bambini stranieri, per i quali spesso non si hanno stime precise. Dunque, i dati reali potrebbero delineare un quadro ancora più preoccupante.

Allarme dei logopedisti

Durante il XI Congresso Nazionale della Federazione Italiana dei Logopedisti, si sono individuate una serie di linee comuni per aiutare i bambini ad affrontare e superare i differenti disturbi del linguaggio. Tra queste linee guida, sono stati ritenuti particolarmente efficaci: il gioco delle imitazioni, la tombola sonora e il girotondo delle rime.

Differenziare l’aiuto

Il primo scopo del lavoro di un logopedista sta proprio nel riuscire a diagnosticare il disturbo del linguaggio e, poi, nel personalizzare l’intervento perché risulti efficace e non invasivo per il bambino. Quindi, è importante differenziare caso per caso: vi sono disturbi temporanei e transitori (crescita, traumi, shock di vario tipo) e, invece, problemi più stratificati e cronici.

Necessità di un intervento tempestivo

Nelle scuole primarie è ormai prassi sottoporre i bambini a test che ne possano evidenziare eventuale dislessia o disgrafia. Individuare i primi “segni” di questi disturbi del linguaggio è essenziale per intervenire in modo tempestivo, migliorando così anche l’apprendimento e il rendimento scolastico del bambino.

Intervenire secondo l’età

Ovviamente, l’intervento del logopedista si differenzia anche secondo la variabile anagrafica. Infatti, i bimbi molto piccoli avranno necessità di sperimentare la terapia contestualizzandola all’interno di giochi. Mentre i più grandicelli saranno già pronti a cimentarsi con esercizi veri e propri.

 

 

In breve

UN PROBLEMA DA NON SOTTOVALUTARE

Tra i bambini che presentano disturbi del linguaggio, si annoverano anche gli stranieri. Spesso, in questi casi, il fenomeno resta sommerso e incomprensibile anche alle famiglie degli stessi bambini. Quindi, per dare le giuste ed eque opportunità di apprendimento ai bimbi stranieri, è importante intraprendere un percorso conoscitivo e linguistico anche con le loro famiglie. Perché la grande risorsa della differenza possa esprimersi in tutta la sua bellezza e vivacità culturale, è necessario che tutti partano con gli stessi strumenti cognitivi o, comunque, con le medesime opportunità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ecografia e dimensioni del bambino modeste: cosa può essere?

24/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le ragiono per le quali il bambino durante la gravidanza cresce poco possono essere varie: solo successive ecografie di controllo riescono a stabilire quale può essere.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti