Disturbi del sonno dei bambini: di chi è la colpa?

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 09/05/2019 Aggiornato il 09/05/2019

Per i pediatri le cause dei disturbi del sonno dei bambini sono soprattutto legate alle abitudini sbagliate. Occhio a orari e luoghi di addormentamento

Disturbi del sonno dei bambini: di chi è la colpa?

Circa un quarto dei bambini non dorme bene, ma per ricostruire un sano equilibrio del ciclo-sonno veglia bisogna intervenire prima di tutto a livello comportamentale. Lo ricorda la Sinpia, la Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza. Esistono diversi protocolli terapeutici mirati a ristabilire l’igiene del sonno e a migliorare i sintomi. L’utilizzo di farmaci dovrebbe essere considerato solo in caso di inefficacia del primo intervento o in presenza di comorbidità (altri disturbi) e, benché non esistano a oggi farmaci approvati per i disturbi del sonno dei bambini, deve essere valutato sulla base del tipo di problema del bimbo.

Problemi per bimbi e genitori

I disturbi del sonno dei bambini interessano circa il 25% dei piccoli sotto i 5 anni di età e circa il 10-12% di quelli oltre i 6 anni. La ridotta quantità e la scarsa qualità del sonno hanno importanti ripercussioni sia sulla qualità di vita dei bambini, sia su quella dei genitori, i quali sono sottoposti a notevole stress e sono a rischio di sviluppare problemi di salute, prima fra tutti la depressione.

Difficoltà di addormentamento e non solo

Nella prima infanzia sono più frequenti le difficoltà di addormentamento, i risvegli frequenti e i comportamenti anomali nel sonno (pavor notturno o risvegli confusionali). In età scolare si riscontrano paura dell’addormentamento e disturbi del movimento. Negli adolescenti, i disturbi del sonno sono spesso conseguenza di stili di vita e abitudini scorrette, in primo luogo l’inversione del ritmo sonno-veglia e l’utilizzo di schermi luminosi in prossimità dell’addormentamento.

Conseguenze sulla memoria

Tra le conseguenze più gravi dei disturbi del sonno dei bambini, troviamo calo del rendimento scolastico, disturbi di apprendimento, ridotta memoria di lavoro, problemi legati alla sonnolenza diurna (disattenzione, traumi accidentali) e obesità; nell’adolescente il disturbo del sonno può portare ad abuso di sostanze.

Tante cause insieme

I disturbi del sonno possono essere primari, solitamente su predisposizione genetica, oppure secondari a una cattiva igiene del sonno o a patologie psichiatriche o organiche. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, coesistono diversi fattori e spesso si associano errati comportamenti di gestione da parte dei genitori (per esempio il “cosleeping”) che favoriscono la cronicizzazione del disturbo.

 

 

ATTENZIONE

RISPETTARE QUESTE DUE REGOLE

Tra le regole più importanti per assicurare un buon sonno ai propri figli ci sono la regolarità dell’orario di addormentamento e la dissociazione della fase di alimentazione da quella del sonno.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti