Disturbi mentali: colpiti più bambini e adolescenti

Stefania Lupi Pubblicato il Aggiornato il 22/08/2018

Depressione e disturbi neuropsichiatrici colpiscono anche bambini e adolescenti. L’Organizzazione mondiale della sanità: due giovani su dieci soffrono di disturbi mentali. Molte conseguenze, anche gravi

Il male oscuro, il buco nero. Un mondo lontano, assente, nemico. Questo è quello che provano tanti bambini e adolescenti. Pensieri che minano la crescita e che invece di far pensare al futuro fanno precipitare in un baratro da cui spesso è difficile risalire. L’Organizzazione mondiale  della sanità lancia l’allarme sui disturbi mentali, perché la depressione e i problemi neuropsichiatrici  sono aumento non solo tra gli adulti, ma anche tra i giovanissimi, Nel mondo, infatti, dal 10 al 20% di bambini e adolescenti soffre di disturbi mentali. Solo in Italia le richieste di servizi per i disturbi neuropsichici aumentano in media del 7% ogni anno. Le patologie neuropsichiatriche sono diventate la causa principale di disabilità nei giovani e il suicidio è la seconda causa di morte tra i 15 e 29 anni.

Un periodo critico

L’adolescenza è un periodo critico perché in questi anni avviene una riorganizzazione dell’identità. Per aiutare i ragazzi più vulnerabili, dunque, occorre prendere provvedimenti  perché – come spiega Filomena Albano, Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza (Agia), che ha promosso un’indagine sui disturbi mentali degli adolescenti – “ci sono una mancanza di integrazione e comunicazione tra gli operatori dello stesso ambito territoriale e una carenza di servizi e strutture dedicati e di personale con esperienza specifica. Ma soprattutto è emersa la solitudine delle famiglie con adolescenti con disagio, che andrebbero sostenute adeguatamente. Infine, occorrono interventi precoci e tempestivi, di continuità, dai percorsi residenziali a quelli territoriali”.

Un fenomeno in pericolosa crescita

 “In Italia – sottolinea Antonella Costantino, presidente della Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza, Sinpia -l’aumento complessivo degli utenti di neuropsichiatria infantile negli ultimi 5 anni è stato pari al 45%. Negli ultimi 2 anni vi è stato un aumento dei disturbi mentali degli adolescenti, con +21% degli accessi in Pronto soccorso e +28% di ricoveri annui. È importante che il ricovero avvenga nei reparti di degenza di neuropsichiatria infantile, ma purtroppo continuano a mancare le risorse per i servizi di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza (Npia). Attualmente solo il 30% dei ricoveri avviene in reparti di Npia, il 27% in pediatria, il 20% in reparti di Psichiatria per adulti”.

Molte cause

“Tra le cause di questo fenomeno ci sono fattori culturali, neurobiologici, sociali, ambientali e condizioni intrafamiliari – conclude Simone Rugolotto, presidente della Sezione regionale Veneto della Società italiana di pediatria– ma a volte si può trattare dell’esordio di un disturbo psicotico o di un disturbo bipolare che aveva dato pochi segni di sé”.

 

 
 
 

Da sapere! 

Nella maggior parte dei casi, una crisi psichiatrica acuta avviene in ragazzi che avevano già presentato un disturbo psichiatrico nell’infanzia, come per esempio disturbi della condotta, disturbo da deficit di attenzione e iperattività o autismo.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Fontanella quasi chiusa a sei mesi: è un brutto segno?

La (quasi) chiusura della fontanella a sei mesi di età non è un segno allarmante, se lo sviluppo neurologico è normale e la crescita della circonferenza cranica regolare.   »

Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti