Donna partorisce senza sapere di essere incinta: è davvero possibile? La parola all’esperto

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 24/01/2024 Aggiornato il 24/01/2024

Può capitare di essere incinta senza saperlo? E come mai accade? Lo abbiamo chiesto alla professoressa Rossella Nappi che fa chiarezza sui recenti fatti di cronaca.

Donna partorisce senza sapere di essere incinta: è davvero possibile? La parola all’esperto

È davvero possibile partorire senza sapere di essere incinta? Sembra di sì: secondo gli esperti questo può accadere, anche se raramente, quando una donna vive in una condizione disagiata, oppure se è molto giovane con una famiglia poco presente o, ancora, se continua ad avere perdite di tipo mestruale. “Si tratta di casi davvero rari” spiega la professoressa Rossella Nappi, ordinaria di Clinica Ostetrica e Ginecologica dell’Università di Pavia – Irccs Policlinico San Matteo “e solitamente la donna, se psicologicamente sta bene, dopo la ventesima settimana inizia ad accorgersi dei movimenti fetali”. Vediamo allora quando è possibile partorire senza sapere di essere incinta.

Non sapere di essere incinta: il caso di cronaca

Nei giorni scorsi all’ospedale di Saronno, in provincia di Varese, una donna quarantenne di origine straniera ha dato alla luce un bambino che, secondo quanto ha dichiarato, non sapeva di aspettare. La donna si è recata al Pronto soccorso con incontinenza e forti dolori all’addome. Durante la visita, i medici hanno accertato che i dolori addominali erano in realtà le contrazioni da travaglio di parto, mentre l’incontinenza era dovuta alla rottura delle acque, con perdita di liquido amniotico. Il travaglio si è svolto normalmente, dopo che il personale ha accertato la gravidanza a termine. È nato un maschietto in buona salute, come la madre.

Ci si può non accorgere di essere incinta?

Partorire senza sapere di essere incinta è possibile” aggiunge la professoressa Nappi. “A termine della gravidanza è raro che succeda, eppure esistono casi descritti in letteratura scientifica. È una condizione rarissima, definita negazione della gravidanza”. Si tratta, in parole semplici, del contrario della pseudociesi o gravidanza isterica, che riguarda donne con seri problemi psicotici che accusano nausea, stanchezza, aumento di peso senza essere in gestazione. La negazione della gravidanza è esattamente l’opposto: una donna è effettivamente incinta, ma vive un distacco completo dalla realtà e non si rende conto della situazione. Sono a rischio soprattutto coloro che hanno subito traumi importanti, abusi, che soffrono di malattie psichiatriche, oppure le giovanissime, o ancora coloro che vivono in una situazione di serio disagio sociale. “In questi casi può succedere che la donna giunga al Pronto soccorso terrorizzata dai dolori e dalle perdite, che non riesce ad attribuire alla propria condizione”.

Perché non ci si accorge di essere incinta

La negazione della gravidanza è più frequente nei primi mesi e viene solitamente superata dopo la 20a settimana, quando iniziano i movimenti fetali e l’addome inizia ad aumentare di dimensione. In altri casi, più rari, la non consapevolezza può proseguire anche nel periodo successivo, per alcune condizioni particolari che si possono verificare. Ecco quali sono.

L’obesità

Una donna fortemente sovrappeso può non accorgersi dell’aumento di volume dell’addome perché questo è mascherato dal grasso in eccesso. Il rischio è ancora più elevato se, nel frattempo, si sono verificate perdite di sangue che hanno indotto a pensare al flusso mestruale.

Le false mestruazioni

In alcuni casi possono comparire perdite di sangue della durata di un giorno o due, anche fino al sesto mese di gravidanza. Una donna poco informata o molto giovane, quindi con ciclo irregolare, può credere che si tratti di mestruazioni vere, escludendo la gestazione.

La menopausa

Potrebbe succedere che ci si ritrovi in gravidanza pensando invece di essere entrata in menopausa (o premenopausa) a causa della mancanza di mestruazioni. Tuttavia, “non sono descritti in letteratura scientifica casi di donne in premenopausa che abbiano avuto un bambino senza accorgersi di essere in attesa” dice ancora la dottoressa Nappi. “In condizioni normali, infatti, una donna magari non ha più il flusso, ma si accorge dei movimenti fetali e dell’aumento dell’addome, chiedendo un accertamento tempestivo”.

Una famiglia assente

Nel caso delle giovanissime ancora inesperte, una famiglia poco presente non è in grado di vigilare su una eventuale vita sessuale della ragazza o sul fatto che possa subire abusi e trascura segnali fisici come la mancanza del flusso e l’aumento di volume dell’addome.

Foto di Marncom per Pixabay.com 

 
 
 

In breve

Partorire senza sapere di essere incinta può capitare in qualche raro caso. Succede se compaiono perdite rossastre che fanno credere di avere le mestruazioni oppure se i chili di troppo rendono difficile accorgersi dell’aumento di volume dell’addome. Più spesso, si tratta di negazione della gravidanza, un problema di cui possono soffrire le giovanissime ancora inesperte oppure le donne disagiate o con problemi psichici.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Camera gestazionale piccola dopo la PMA

04/03/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Anche in una gravidanza avviata grazie a un percorso di procreazione medicalmente assistita è possibile che avvenga qualcosa che rallenta lo sviluppo dell'embrione, ma non è detto che quando accade tutto sia perduto.   »

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Fai la tua domanda agli specialisti