Dorme poco: colpa di mamma e papà?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/10/2018 Aggiornato il 17/10/2018

Le difficoltà di addormentamento e i risvegli notturni sono spesso causati dall’organizzazione della giornata, dai diversi stimoli cui è sottoposto e, non da ultimo, dalle abitudini di mamma e papà

Dorme poco: colpa di mamma e papà?

Perché il bambino dorme poco? Raramente le cause sono organiche. Abitudini regolari della famiglia e maggiore fiducia nelle capacità genitoriali, invece, possono migliorare i disturbi notturni dei più piccoli. Ecco che cosa si può fare se il piccolo dorme poco,

Sotto esame quasi 800 genitori

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Journal of sleep clinical medicine dai ricercatori dell’Harvard medical school di Boston (Usa), dimostra che la qualità e la durata del sonno dei figli dipendono anche dalla fiducia che mamma e papà nutrono nelle loro capacità genitoriali. Lo studio ha preso in esame i comportamenti di 790 genitori, per lo più madri, di bimbi tra 6 e 12 anni. Dall’analisi delle risposte del campione è emerso che la durata media giornaliera del sonno era pari a 6,9 ore per i genitori e a 9,2 ore per i bambini. In particolare, è risultato che se il bimbo dorme poco, in massima parte ciò è dovuto ai comportamenti dei genitori.

Situazione migliore quando i genitori dormono di più

I risultati della ricerca evidenziano un dato importante: quando i genitori aiutano con fiducia i bambini a dormire a sufficienza (il 57% degli intervistati), la durata del sonno dei figli è maggiore di 0,67 ore al giorno. Ma non è tutto: ogni ora in più di sonno dei genitori corrisponde a un aumento di 0,09 ore al giorno del sonno dei piccoli. Avere abitudini regolari in relazione al sonno potrebbe rappresentare un rimedio alle difficoltà di addormentamento dei bambini. Creare una routine per le ore serali, come leggere un libro, cantare una ninna nanna o anche solo riservare un po’ di tempo alle coccole, può aiutare a creare un ambiente sereno e tranquillo prima della nanna.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I disturbi del sonno dei bambini possono essere anche manifestazioni di risposta al disagio emotivo di mamma e papà.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti