Eccesso di accudimento fa più male che bene ai figli?

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 03/06/2019 Aggiornato il 03/06/2019

Troppo coccolati, assecondati, assistiti: così i bambini non crescono, ma restano intrappolati nell’eccesso di accudimento dei genitori

Eccesso di accudimento fa più male che bene ai figli?

Negli ultimi 50 anni il tempo di cura dei figli è raddoppiato per le mamme e quadruplicato per i padri. Secondo lo psicoterapeuta Daniele Novara, il dato non è positivo, perché i genitori di oggi soffocano i figli con un eccesso di accudimento che impedisce loro di divenire autonomi e indipendenti.

Emergenza educativa

Una volta, spiega Novara, nessun genitore avrebbe mai pensato di passare tanto tempo con i figli, di condividere tutto con loro. I bambini stavano con i coetanei, gli adulti con gli adulti. Oggi siamo di fronte a una vera e propria emergenza educativa, afferma il direttore del convegno nazionale del centro psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti (CPP): i genitori non educano ma accudiscono, sostituendosi ai figli, fanno le cose al posto loro pur di prevenire frustrazioni e difficoltà. Così, però, impediscono loro di crescere. Non a caso oggi sono sempre più diffuse tra i bambini difficoltà sistematiche nelle autonomie di base come vestirsi da soli, preparare la cartella, addormentarsi da soli nella propria stanza, senza passare dal lettone.

Sbagliati troppi interventi

Il problema, spiega ancora l’esperto, è che tra gli anni ’70 e ’80 c’è stata una mutazione antropologica che ci ha traghettati da una società comunità a una narcisistica, nella quale i valori dell’individuo prevalgono su quelli della collettività. E i bambini, via via, sono diventati beni sempre più preziosi, unici, amati e accuditi, travolti dall’enorme investimento narcisistico dei loro genitori. La cura giusta, invece, è educare i figli, eliminando l’ eccesso di accudimento e organizzando spazi e tempi per la loro autonomia, conclude Novara. Lo diceva già la Montessori: se noi facciamo le cose al posto del bambino, lo danneggiamo.

L’atteggiamento consigliato

Per non cadere nella trappola dell’ eccesso di accudimento, sottolineano gli esperti, l’atteggiamento giusto è: spiegare, osservare, consigliare. In una parola: accompagnare. Senza giudicare o rimproverare, i genitori devono assistere i figli nella crescita mostrando loro la strada da perseguire, tenendosi in disparte, ma sempre pronti a intervenire in caso di difficoltà.
 

 

 
 
 

Da sapere!

Fin da piccoli, i bambini godono quando riescono a fare qualcosa senza l’aiuto dei grandi: bisogna assecondare i loro slanci, ogni volta che è possibile, senza preoccuparsi delle conseguenze.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti