Effetto coronavirus: in Italia calano le vaccinazioni dei bambini

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 11/05/2020 Aggiornato il 11/05/2020

La Società italiana di pediatria lancia l’allarme e raccomanda di rispettare il calendario vaccinale anche durante la pandemia da coronavirus

Effetto coronavirus: in Italia calano le vaccinazioni dei bambini

L’emergenza coronavirus che sta assorbendo l’attenzione delle famiglie in questo periodo non deve far dimenticare l’importanza delle vaccinazioni fondamentali per prevenire altre patologie. Il percorso vaccinale del bambino può e deve essere rispettato, a maggior ragione in questo periodo. Lo ribadisce la Sip (Società italiana di pediatria). Secondo Rocco Russo, responsabile del tavolo tecnico vaccinazioni, molte famiglie hanno invece preferito rinviare le sedute vaccinali previste per i loro figli, non tanto per le misure di isolamento sociale, quanto per timore del contagio.

Le paure dei genitori e le chiusure dei Centri

Alcuni genitori hanno paura di recarsi nel centro vaccinale o temono di vaccinare il bambino nel periodo epidemico, ma è una paura infondata perché non esistono studi né raccomandazioni che controindicano le vaccinazioni in questo periodo. Il bambino che si vaccina non compromette il suo sistema immunitario al punto da potersi esporre a un rischio di contagio da coronavirus.
La situazione più grave è stata determinata dalla chiusura temporanea di alcuni Centri vaccinali, così come dalla decisione da parte di alcuni responsabili delle Unità Operative Materno infantili, di posticipare sedute vaccinali pediatriche del ciclo primario a data da destinarsi pur avendo a disposizione adeguate risorse di personale.

La contrarietà dei pediatri

Per il responsabile della Sip, se è comprensibile il timore di un genitore, non è accettabile che un servizio pubblico decida di interrompere l’offerta vaccinale o di optare per un’offerta che non garantisce un’adeguata protezione al bambino. Questo, infatti, può creare soggetti suscettibili di malattie prevenibili con i vaccini, con conseguente maggior rischio di morbilità e mortalità.

I centri vaccinali sono sicuri

Va evidenziato che i centri vaccinali sono luoghi sicuri che mettono in atto tutte le misure precauzionali previste dalla normativa per quanto riguarda il distanziamento sociale, l’igiene delle mani, l’areazione degli ambienti e tutte le norme previste anche dall’Organizzazione mondiale della Sanità per garantire la massima protezione e la migliore offerta vaccinale.

 

 
 
 

Da sapere!

La preoccupazione riguardo i ritardi nelle vaccinazioni è condivisa anche a livello internazionale, con oltre 117 milioni di bambini in 37 paesi che rischiano di non ricevere il vaccino per il morbillo. Già 24 paesi hanno ritardato i programmi di immunizzazione, e molti altri stanno per posporli. L’Oms ha pubblicato delle nuove Linee guida  per aiutare i Paesi a sostenere le attività di immunizzazione durante la pandemia.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Tampone positivo allo streptococco durante la gravidanza

23/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono delle indicazioni da seguire quando si risulta positive allo streptococco in prossimità del parto, prima tra tutte recarsi con urgenza in Pronto soccorso fin dalla prima comparsa delle contrazioni.   »

Tosse dei bambini: l’antibiotico serve o no?

14/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

La tosse secca, anche se più disturbante, non deve preoccupare e non richiede inevitabilmente l'antibiotico, che invece va somministrato quando la tosse è “grassa”, con tanto catarro, e si protrae per oltre quattro settimane senza alcun accenno di miglioramento.  »

Fai la tua domanda agli specialisti