Empatia: si apprende dai fratelli

Pamela Franzisi Pubblicato il Aggiornato il 04/08/2018

Litigi, gelosie ma anche amore e complicità: il rapporto tra fratelli aiuta a sviluppare l’empatia, la capacità di cogliere le sensazioni e le emozioni degli altri

I fratelli o le sorelle aiutano a socializzare. È nelle prime relazioni in famiglia, infatti, che si inizia a capire cosa significhi condividere, gestire emozioni forti come gelosia e rabbia e sviluppare la capacità di comprendere le emozioni degli altri, ossia l’ empatia.

I piccoli influenzano i grandi

Il fratello più grande è sempre stato visto come un modello, un punto di riferimento per il figlio più piccolo. Ora un’ampia ricerca sulla capacità dei fratelli di influenzarsi a vicenda mette al centro il ruolo dei nati per secondi (o terzi). Anche i piccoli di casa possono cioè essere modello positivo di empatia per i fratelli maggiori, non solo da adolescenti ma anche nelle prime fasi dello sviluppo. Perlomeno è quanto ipotizzato da uno studio delle università canadesi di Calgary, Laval e Toronto che, insieme a quella di Tel Aviv, hanno pubblicato sulla rivista medica Child development, sullo sviluppo dell’ empatia tra fratelli.

Dati incrociati

Sono stati studiati i dati di 452 coppie di fratelli e delle loro madri all’interno di progetto denominato “Kids, families and places”. Scopo dell’analisi era capire se e come le capacità empatiche di bambini di 18 e 48 mesi di età potessero influenzare il carattere dei fratelli nell’arco dei 18 mesi successivi.  Per farlo sono state analizzate tutte le combinazioni:

– fratello maggiore e fratello minore
– fratello maggiore e sorella minore
– sorella maggiore e fratello minore
– sorella maggiore e sorella minore.

È risultato che sia i fratelli minori sia i maggiori contribuiscono positivamente alla reciproca empatia nel corso del tempo. Ma l’influenza dei maggiori, maschi o femmine, è più forte se tra i fratelli c’è molta differenza di età: in questo caso, i fratelli più “anziani” sono guardati come un modello da seguire.

 

 

 
 
 

In breve

METTERSI NEI PANNI DELL’ALTRO

L’empatia è la facoltà di capire il punto di vista altrui, di mettersi nei suoi panni senza giudizi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Cosa mangiare in allattamento?

In allattamento si può continuare a mangiare tutto quello che si assumeva in gravidanza, compresi cipolle, cavoli, e spezie piccanti. L'unica restrizione riguarda l'alcol, come nei mesi dell'attesa: non bisogna assumerlo neanche occasionalmente.   »

Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...  »

Gemellina e addio al pannolino

Può accadere che un bambino non faccia volentieri la pipì nel water perché non si sente sicuro per le più svarite ragioni (che i genitori possono facilmente scoprire).  »

Fai la tua domanda agli specialisti