Empatia: si apprende dai fratelli

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 17/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Litigi, gelosie ma anche amore e complicità: il rapporto tra fratelli aiuta a sviluppare l’empatia, la capacità di cogliere le sensazioni e le emozioni degli altri

Empatia: si apprende dai fratelli

I fratelli o le sorelle aiutano a socializzare. È nelle prime relazioni in famiglia, infatti, che si inizia a capire cosa significhi condividere, gestire emozioni forti come gelosia e rabbia e sviluppare la capacità di comprendere le emozioni degli altri, ossia l’ empatia.

I piccoli influenzano i grandi

Il fratello più grande è sempre stato visto come un modello, un punto di riferimento per il figlio più piccolo. Ora un’ampia ricerca sulla capacità dei fratelli di influenzarsi a vicenda mette al centro il ruolo dei nati per secondi (o terzi). Anche i piccoli di casa possono cioè essere modello positivo di empatia per i fratelli maggiori, non solo da adolescenti ma anche nelle prime fasi dello sviluppo. Perlomeno è quanto ipotizzato da uno studio delle università canadesi di Calgary, Laval e Toronto che, insieme a quella di Tel Aviv, hanno pubblicato sulla rivista medica Child development, sullo sviluppo dell’ empatia tra fratelli.

Dati incrociati

Sono stati studiati i dati di 452 coppie di fratelli e delle loro madri all’interno di progetto denominato “Kids, families and places”. Scopo dell’analisi era capire se e come le capacità empatiche di bambini di 18 e 48 mesi di età potessero influenzare il carattere dei fratelli nell’arco dei 18 mesi successivi.  Per farlo sono state analizzate tutte le combinazioni:

– fratello maggiore e fratello minore
– fratello maggiore e sorella minore
– sorella maggiore e fratello minore
– sorella maggiore e sorella minore.

È risultato che sia i fratelli minori sia i maggiori contribuiscono positivamente alla reciproca empatia nel corso del tempo. Ma l’influenza dei maggiori, maschi o femmine, è più forte se tra i fratelli c’è molta differenza di età: in questo caso, i fratelli più “anziani” sono guardati come un modello da seguire.

 

 

 
 
 

In breve

METTERSI NEI PANNI DELL’ALTRO

L’empatia è la facoltà di capire il punto di vista altrui, di mettersi nei suoi panni senza giudizi.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti