Epilessia: un esame del sangue svela la risposta ai farmaci?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 04/07/2019 Aggiornato il 09/07/2019

Di epilessia si può anche morire, purtroppo, ma nella maggioranza dei casi può essere tenuta sotto controllo grazie a diversi farmaci e trattamenti. Tra poco potrebbe bastare un semplice esame del sangue per capire se la cura che si sta facendo sia quella giusta

Epilessia: un esame del sangue svela la risposta ai farmaci?

Potrebbe bastare una semplice analisi per capire come i bambini con epilessia rispondono ai farmaci e quindi per impostare al meglio la cura. I farmaci e i trattamenti disponibili sono tanti e non è facile per il medico trovare subito il trattamento terapeutico migliore, perché  non tutti i bambini  rispondono allo stesso modo alle cure. Ecco perché sarebbe davvero utile poter stabilire a monte la cura più efficace per ogni singolo caso. In futuro questa speranza potrebbe diventare realtà. Tutto merito di un’equipe di ricercatori italiani, che ha studiato il ruolo di due ormoni, il cui livello può essere misurato nel sangue, che potrebbero predire la risposta a determinati medicinali. Ecco come funziona.

Una ricerca in più tempi

Lo studio che ha acceso nuove speranze sul trattamento dell’epilessia è stato finanziato dal ministero della Salute nell’ambito di un progetto di ricerca finalizzata ed è durato un anno e mezzo. Condotto da un gruppo di studiosi dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria e dell’AUSL di Modena, è stato pubblicato sulla rivista “Neurology”. È stato realizzato in due tempi: una prima fase in laboratorio, su diversi modelli sperimentali, una seconda su un gruppo complessivo di 114 bambini sotto i 14 anni, tutti affetti da epilessia.

Il ruolo di due ormoni “anti-epilessia”

La ricerca si è concentrata soprattutto sul ruolo della ghrelina e del suo derivato, la des-acil ghrelina: si tratta di due ormoni prodotti principalmente dallo stomaco, che sembrano dotati di proprietà antiepilettiche, che però non sono ancora state studiate attentamente nell’uomo. Gli autori hanno cercato di capire se fra il loro livello nel sangue e la risposta ai farmaci antiepilettici ci fosse una qualche relazione. Allo scopo hanno condotto vari test sia nei modelli sperimentali sia nei bambini.

Basterà un semplice prelievo?

Dalle prove effettuate, è emerso che i bambini che rispondono bene ai farmaci contro l’epilessia hanno un livello più elevato di ghrelina e des-acil ghrelina nel sangue. Più precisamente, si è visto che i livelli plasmatici di ghrelina erano raddoppiati nei volontari che presentavano una risposta ottimale alle cure. Gli esperti hanno concluso che questi due ormoni potrebbero avere un ruolo importante nella riduzione delle crisi epilettiche e, inoltre, che potrebbero rappresentare un indicatore importante di risposta ai farmaci usati per la cura dell’epilessia. “Ghrelina e des-acil ghrelina potrebbero costituire il primo biomarcatore disponibile per controllare con un semplice prelievo ematico la possibilità che possa verificarsi una risposta positiva alla terapia farmacologica” hanno affermato gli autori.

 

 
 
 

DA SAPERE

 

L’epilessia è una malattia che non riguarda solo il bambino colpito, ma anche la sua famiglia, i suoi insegnanti e i suoi amici. Le crisi, infatti, possono capitare in qualsiasi momento, ecco perché è importante che il maggior numero possibile di persone sia in grado di affrontarle, anche in classe.

 

Fonti / Bibliografia

  • High plasma levels of ghrelin and des-acyl ghrelin in responders to antiepileptic drugs | NeurologyObjective To reconsider ghrelin and des-acyl ghrelin plasma levels in children with epilepsy in order to establish a possible relation with response to antiepileptic drugs (AEDs).Methods We designed an observational study in which 114 patients with epilepsy were classified as responders (77) or nonresponders (37) and compared to 59 controls. In these patients, we measured ghrelin and des-acyl ghrelin by immunoassays in blood samples obtained after overnight fast.Results Ghrelin plasma levels were higher (+94%; p < 0.001, Dunn test) in responders compared to controls. Des-acyl ghrelin plasma levels were also higher in the same group (+55%; p < 0.001). In addition, both hormones were unmodified in nonresponders compared to controls. By comparing responders to nonresponders, ghrelin and des-acyl ghrelin, respectively, were +126% ( p < 0.001) and +29% ( p < 0.001) in patients with a positive response to AEDs.Conclusions These results indicate that ghrelin and des-acyl ghr...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti