Eterologa: in Messico nel 2017 20 bambini con 3 genitori

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 25/01/2017 Aggiornato il 25/01/2017

La nuova tecnica di fecondazione assistita mira a evitare che possano venire tramandate dalla madre ai figli pericolose mutazioni mitocondriali. Le ambiziose previsioni messicane

Eterologa: in Messico nel 2017 20 bambini con 3 genitori

Bambino con tre genitori: in Messico la tecnica di fecondazione eterologa che consente a due donne e un uomo di concepire un bambino è diventata realtà e, dopo aver visto nascere il primo bimbo utilizzando questa metodica, ora la New Hope Fertility Center – la struttura messicana in cui è stato effettuato il primo concepimento con questa metodica – sta pianificando di utilizzare la tecnica all’avanguardia di fecondazione eterologa in altre 20 gravidanze nei primi sei mesi del 2017. A riportare la notizia è il New Scientist.

Successo della prima nascista

Secondo quanto riporta New Scientist, il bimbo nato dal concepimento eseguito con la tecnica della sostituzione mitocondriale è un maschietto che ora ha quasi un anno e, secondo gli accertamenti eseguiti finora, sembra essere perfettamente sano.

Per evitare gravi malattie

La tecnica, i cui primi esperimenti risalgono agli inizi degli anni ’90, si chiama sostituzione mitocondriale e mira a evitare che possano venire tramandate pericolose mutazioni mitocondriali dalla madre ai figli: funziona rimuovendo il nucleo da un ovocita della futura mamma e inserendolo nell’ovulo di una donatrice precedentemente privato del nucleo; l’ovulo così risultante viene poi fecondato con lo sperma del futuro padre. Se il concepimento avviene, spiegano i ricercatori, la tecnica dovrebbe consentire all’embrione di non ereditare mutazioni mitocondriali dannose.I genitori del bambino nato con l’innovativa tecnica avevano già perso due figli a causa della sindrome di Leigh, malattia mortale causata da mutazioni nei mitocondri che colpisce il sistema nervoso in via di sviluppo.

 

 

 

da sapere!

I mitocondri sono gli organuli contenuti nel citoplasma delle nostre cellule. Svolgono molte funzioni e sono comunemente noti come le “centrali energetiche” delle cellule.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti