Farmaci per i bambini: ancora troppo pochi

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 15/12/2017 Aggiornato il 15/12/2017

La ricerca prosegue ma la strada da fare per i farmaci per i bambini è ancora lunga e molti bimbi sono costretti a prendere medicine studiate per i grandi

Farmaci per i bambini: ancora troppo pochi

Molti farmaci non sono adatti ai bambini perché mancano ricerche focalizzate sulla popolazione infantile. È quanto emerge dal rapporto presentato al Parlamento Europeo e al Consiglio d’Europa sui primi risultati ottenuti dall’entrata in vigore del Regolamento europeo per lo sviluppo e la sperimentazione dei farmaci per i bambini.

Mancano indicazioni precise

Negli ultimi 10 anni sono state portate avanti mille sperimentazioni cliniche pediatriche in Europa, di cui 131 già concluse, tuttavia moltissimi bambini e adolescenti si ritrovano ancora ad assumere farmaci testati su adulti, di cui non si conosce il profilo di efficacia e di sicurezza nei più piccoli né sono state redatte precise indicazioni di posologia e dosaggi. Un esempio del fatto che molti farmaci non sono adatti ai bambini è quello degli psicofarmaci: per quanto poco utilizzati in età evolutiva, specialmente in Italia, lo sono spesso in modo inappropriato o fuori dalle indicazioni per cui sono stati messi in commercio (off-label).

Sperimentati sugli adulti

Dal 2007 al 2016 la percentuale di bambini partecipanti a sperimentazioni cliniche è considerevolmente aumentata, passando da 8,3% a 12,4%, ma molti dei farmaci presenti sul mercato sono ancora privi di autorizzazione per l’uso specifico per i bambini e gli adolescenti: le conoscenze si basano sui risultati di sperimentazioni cliniche condotte con gli adulti e non specifiche con i bambini e gli adolescenti. Il rapporto documenta che molti farmaci non sono adatti ai bambini. Per alcune aree quali la reumatologia, o per alcune malattie quali quelle infettive o cardiovascolari, la nuova regolamentazione ha ottenuto risultati positivi per lo sviluppo di farmaci per i bambini.

Indietro su oncologia e malattie rare

Per altre aree quali l’oncologia o per le malattie rare si brancola ancora nel buio. La ricerca industriale investe solo in quei settori in cui gli interessi dei produttori e i bisogni dei malati si sono sovrapposti sia per gli adulti sia per i bambini. Ecco perché ancora oggi molti farmaci non sono adatti ai bambini.

 

Lo sapevi che?

Secondo una ricerca Swg, il 63% delle mamme italiane chiede sempre un parere al pediatra prima di somministrare un farmaco ai figli.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Streptococco: dubbi e chiarimenti

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Aldo Messina

Le infezioni da streptococco fanno ancora oggi molta paura, per via delle conseguenze (non automatiche!) che potrebbero determinare. In realtà, oggi questo batterio non fa più (tanta) paura.  »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti