Farmaci con codeina vietati ai minorenni

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 20/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

È della Food and drug administration americana la raccomandazione di non usare farmaci con codeina per curare la tosse e il raffreddore sotto i 18 anni. Ecco perché

Farmaci con codeina vietati ai minorenni

Tosse e raffreddore non sono disturbi preoccupanti. Tuttavia, sono molto fastidiosi, anche e soprattutto nei bambini e nei ragazzi. Ecco perché i genitori tendono spesso a ricorrere ai farmaci per calmarli. D’ora in avanti, però, negli Stati Uniti non si potranno più utilizzare i farmaci con codeina e idrocodone perché secondo gli esperti i rischi prima dei 18 anni superano i benefici.

Due oppiacei

La codeina e l’idrocodone sono due oppiacei con effetto analgesico. Vengono utilizzati negli sciroppi, nelle compresse e nelle capsule per la tosse e il raffreddore perché, oltre ad avere azione antidolorifica, sono anche antitussigeni, calmano cioè i colpi di tosse ripetuta. Tuttavia, non sono privi di effetti collaterali, come cambiamenti di umore, capogiri, mal di stomaco, mal di testa, nausea, sonnolenza, orticaria, prurito, tachicardia, convulsioni. Non bisogna dimenticare poi che agiscono sul cervello e possono dare dipendenza.

Troppi rischi

È proprio alla luce di questi eventi avversi che l’Fda americano, l’ente che si occupa della regolamentazione dei farmaci e degli alimenti, ha deciso di vietare l’uso di farmaci con codeina e idrocodone fino ai 18 anni. In realtà, già lo scorso anno aveva invitato a inserire nei foglietti illustrativi una controindicazione d’uso sotto i 12 anni. Ora, però, ha deciso di estenderla in generale a tutti i minori. “È diventato chiaro che l’uso di medicinali contenenti oppiacei per il trattamento della tosse e del raffreddore nei bambini e negli adolescenti comporta gravi rischi che non giustificano il loro uso” ha affermato Scott Gottlieb, commissario dell’Fda. Ecco perché, l’ente ha chiesto ai produttori di questa categoria di farmaci di modificare le relative etichette, così da mettere in evidenza i rischi e la raccomandazione di non usarli sotto i 18 anni.

La situazione in Italia

In Italia, l’uso di questi medicinali è già limitato sopra i 18 anni. I farmaci con codeina, però, si possono impiegare a partire dai 12 anni, sempre che il bambino non abbia subito un intervento chirurgico alle tonsille: in questo caso, il limite sale a 18 anni.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Contro tosse e raffreddore esistono molte altre soluzioni valide, sia per quanto riguarda i medicinali sia i prodotti naturali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Anti pneumococco e anti rotavirus: sono importanti?

E' una fortuna per i nostri bambini poter essere vaccinati contro malattie che potrebbero avere conseguenze gravissime. E il timore che fare più vaccinazioni insieme possa non essere opportuno è infondato, come lo è ritenere qualche vaccinazione meno utile di altre.  »

Ma cos’è l’autosvezzamento?

Il neologismo "autosvezzamento" è spesso fonte di fraintendimenti o, comunque, confonde le mamme che devono iniziare a proporre le prime pappe. In realtà è una pratica molto più semplice rispetto a quello che in genere si pensa (ma anche un po' utopistica).   »

Fai la tua domanda agli specialisti