Farmaci con codeina vietati ai minorenni

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 20/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

È della Food and drug administration americana la raccomandazione di non usare farmaci con codeina per curare la tosse e il raffreddore sotto i 18 anni. Ecco perché

Farmaci con codeina vietati ai minorenni

Tosse e raffreddore non sono disturbi preoccupanti. Tuttavia, sono molto fastidiosi, anche e soprattutto nei bambini e nei ragazzi. Ecco perché i genitori tendono spesso a ricorrere ai farmaci per calmarli. D’ora in avanti, però, negli Stati Uniti non si potranno più utilizzare i farmaci con codeina e idrocodone perché secondo gli esperti i rischi prima dei 18 anni superano i benefici.

Due oppiacei

La codeina e l’idrocodone sono due oppiacei con effetto analgesico. Vengono utilizzati negli sciroppi, nelle compresse e nelle capsule per la tosse e il raffreddore perché, oltre ad avere azione antidolorifica, sono anche antitussigeni, calmano cioè i colpi di tosse ripetuta. Tuttavia, non sono privi di effetti collaterali, come cambiamenti di umore, capogiri, mal di stomaco, mal di testa, nausea, sonnolenza, orticaria, prurito, tachicardia, convulsioni. Non bisogna dimenticare poi che agiscono sul cervello e possono dare dipendenza.

Troppi rischi

È proprio alla luce di questi eventi avversi che l’Fda americano, l’ente che si occupa della regolamentazione dei farmaci e degli alimenti, ha deciso di vietare l’uso di farmaci con codeina e idrocodone fino ai 18 anni. In realtà, già lo scorso anno aveva invitato a inserire nei foglietti illustrativi una controindicazione d’uso sotto i 12 anni. Ora, però, ha deciso di estenderla in generale a tutti i minori. “È diventato chiaro che l’uso di medicinali contenenti oppiacei per il trattamento della tosse e del raffreddore nei bambini e negli adolescenti comporta gravi rischi che non giustificano il loro uso” ha affermato Scott Gottlieb, commissario dell’Fda. Ecco perché, l’ente ha chiesto ai produttori di questa categoria di farmaci di modificare le relative etichette, così da mettere in evidenza i rischi e la raccomandazione di non usarli sotto i 18 anni.

La situazione in Italia

In Italia, l’uso di questi medicinali è già limitato sopra i 18 anni. I farmaci con codeina, però, si possono impiegare a partire dai 12 anni, sempre che il bambino non abbia subito un intervento chirurgico alle tonsille: in questo caso, il limite sale a 18 anni.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Contro tosse e raffreddore esistono molte altre soluzioni valide, sia per quanto riguarda i medicinali sia i prodotti naturali.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A letto da un mese per un distacco amniocoriale (eppure non serve, anzi)

01/07/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il riposo assoluto a letto in caso di "distacco" non solo è inutile per assicurare una buona evoluzione della gravidanza, ma può addirittura rivelarsi controproducente in quanto può aprire la strada al rischio di trombosi a livello degli arti inferiori.   »

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti