Favole: maestre di vita per i bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/04/2017 Aggiornato il 05/04/2017

I genitori possono comunicare con i bambini attraverso le favole per insegnare loro regole e piccoli compiti quotidiani

Favole: maestre di vita per i bambini

Non è facile insegnare ai bambini a rispettare le regole: le favole possono servire a raccontare il mondo dei grandi ai più piccoli, a spiegarlo e a farlo comprendere. È il metodo suggerito dalla psicologa Elisabetta Mauti, autrice del libro “Le fiabe per insegnare le regole – Un aiuto per grandi e piccini”.

Uno strumento a portata di bambino

Parlare il linguaggio dei bambini per insegnare quei piccoli gesti quotidiani che spesso rifiutano: un compito che può diventare più facile con lo strumento delle fiabe, trasformando in un gioco i piccoli doveri quotidiani, dal lavarsi i denti a mangiare tutta la pappa, a rimettere in ordine i giochi. La favola offre un piano immaginario in cui mamma, papà e bambino possono incontrarsi e comunicare, compito spesso difficile con i bimbi che vivono in un mondo diverso da quello dei grandi, intessuto di magia e non di vita pratica.

Un rituale rassicurante

Grazie alle favole, il gesto quotidiano diventa un rituale: per il bambino è molto importante perché gli dà sicurezza, per la mamma è strategico per evitare continue lotte e arginare I capricci. La favola stessa diventa scansione del tempo: il tempo per fare la pappa, la nanna, la doccia. Il mondo delle favole può diventare anche un modo per affrontare argomenti difficili, come la paura del buio, la separazione dei genitori o la presenza di un familiare malato.

Per superare le paure

Le favole del libro sono indirizzate ai bambini dai 3 ai 6-8 anni, un’età in cui sono curiosi, vogliono sapere, ma spesso non fanno domande, perché preferiscono esplorare. Il ruolo del genitore è quello di guidarli nell’esplorazione, far diventare abitudine la comunicazione, filtrando le emozioni negative, aiutandoli a superare le paure e convivere con le ferite emozionali.

 

 

da sapere!

I genitori devono fare attenzione che la favola usi un linguaggio a misura di bambino, adattando tutti i termini, affinché i più piccoli  possano comprenderli.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti