Il Leone e il Moscerino – La Fontaine

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 06/10/2015 Aggiornato il 06/10/2015

Il Leone e il Moscerino, di Esopo e poi ripresa da Jean de La Fontaine, è una favola che ha molto da insegnare a tutta la famiglia. Da leggere fino in fondo per capire bene

Il Leone e il Moscerino – La Fontaine
Il Leone e il Moscerino

– O triste insetto, o fango della terra,
vai lontano – un Leone così diceva,
rivolto a un Moscherino, che rispondeva
per vendicarsi e per sfidarlo a guerra:

– Pensi tu che il tuo titolo di re della foresta
possa indurre paura in uno come me,
che traggo un bue più grosso anche di te
a fare come voglio io? 

E detto questo, suona alla carica,
egli stesso eroe e trombettiere,
sopra il Leone piomba
e dapprima sul collo lo punge.

L’occhio scintillante, il Leone balza punto da quello spillo
e furibondo rugge e quasi impazzisce,
e le altre belve spaventate fuggono,
tutto per colpa d’un essere così piccolo.

Quell’embrione di mosca, come dico,
le narici, il muso e gli occhi a caso punge:
la rabbia monta del Leone al naso,
e ride l’invisibile nemico.

Ride il Moscerino, vedendo che la bestia impazzita
graffia, morde se stessa e l’aria spazza,
sbatte la coda, e si colpisce furiosamente
fino a dilaniarsi da solo.

La grossa bestia a tanta maledetta
battaglia cade, mordendo la sabbia.
L’insetto, sfogata la sua rabbia,
come suonò la carica, annuncia
la vittoria per tutta la campagna.
Ma volle il suo destino
che cadesse in una ragnatela,
e vi lasciò la pelle il Moscherino.

Due cose sembra a me
che possa questa favola insegnare:
prima che il più terribile non è
il più grosso nemico, come pare.
E poi che si può vedere
che molti, che si salvano dal mare,
affogano tante volte in un bicchiere.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti