Febbre nei bambini: fa paura a molte mamme

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 13/12/2018 Aggiornato il 18/12/2018

Che sia colpa del raffreddore, del mal di gola o dell'influenza, sta di fatto che la febbre nei bambini è uno dei disturbi più frequenti. Ecco come affrontarla al meglio e... senza panico

Febbre nei bambini: fa paura a molte mamme

Sono pochi i bambini che riescono a trascorrere un intero inverno senza che gli venga mai la febbre. Eppure, la febbre nei bambini continua a spaventare le mamme, soprattutto perché non sanno bene come affrontarla. A rivelarlo è un’indagine SWG.

Più preoccupazioni sotto i 10 anni

La ricerca ha coinvolto un campione rappresentativo di mamme, tutte con bambini sotto i 10 anni di età. I ricercatori hanno chiesto loro di rispondere a una serie di domande sull’argomento “febbre nei bambini”. Lo scopo era far luce sui comportamenti adottati dai genitori quando i figli vanno incontro a un rialzo della temperatura.

Preparate in teorie, ma in pratica…

Dall’analisi dei risultati è emerso i genitori sono molto ferrati dal punto di vista teorico. Infatti, ben l’89% delle mamme intervistate è preparata sull’argomento e sa che la febbre è un meccanismo di difesa dell’organismo. Nonostante ciò, quando si tratta di gestire l’emergenza, molte entrano nel panico. Più precisamente, una mamma su quattro si agita quando il proprio piccolo scotta, tanto che già con un rialzo termico di pochi gradi contatta il pediatra o addirittura va al pronto soccorso. Non solo, il 59% delle partecipanti all’indagine ha ammesso di non sapere esattamente ogni quanto misurare la temperatura e, durante gli attacchi febbrili del bambino, di essere di sovente incerta sul da farsi. Solo il 41% ha risposto con certezza che l’ideale è provare la febbre ogni due ore.

Molte si affidano ai rimedi della nonna

Anche per quanto riguarda le cure c’è parecchia confusione. La stragrande maggioranza delle donne ha dichiarato di affidarsi ai vecchi rimedi della nonna: applicare la borsa del ghiaccio ed effettuare spugnature con alcol e acqua su testa, polsi o caviglie. Poche sono consapevoli del fatto che, in realtà, queste manovre non sono del tutto innocue e potrebbero creare un effetto contrario a quello sperato. Anche sui farmaci ci sono conoscenze sbagliate. Il 64% delle mamme considera come farmaco di prima scelta per il trattamento della febbre il paracetamolo: invece anche l’ibuprofene può essere usato per abbassare la temperatura e non solo in caso di dolore, come credono molti. Ovviamente, in entrambi i casi bisogna rispettare le indicazioni del pediatra e calcolare la dose sulla base del peso e non dell’età.

Il dottor Internet

Inoltre, sempre più spesso le fonti da cui si prendono informazioni sulla gestione della febbre nei bambini sono poco affidabili: specialmente quando i figli sono piccoli, le mamme tendono a confrontarsi tra di loro e 1 su 2 cerca informazioni su internet. “A volte internet può contenere informazioni non attendibili, con il rischio di divulgare falsi miti, credenze e dubbi. “Febbre e dolore sono argomenti di frequente discussione su social-network, forum e blog a causa della paura eccessiva dei genitori che sono spesso portati ad adottare comportamenti irrazionali, in sede di riconoscimento e gestione di questi disturbi, che sfociano poi in accessi impropri al pronto soccorso degli ospedali” ha confermato il dottor Jacopo Pagani, esperto di comunicazione in sanità.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Se il piccolo ha meno di tre mesi, è necessario rivolgersi immediatamente al pediatra. Se ha un’età compresa fra i tre e i 12 mesi l’urgenza è minore ed è sufficiente contattare il medico nell’arco delle 24 ore, a meno che insieme alle febbre ci siano altri sintomi. Dopo l’anno di vita, se il bimbo sta bene, è sereno, gioca tranquillo, si possono aspettare tre giorni prima di chiedere un consulto.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Risvegli notturni dopo mesi di sonno tranquillo

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Può capitare che a nove mesi inizino i risvegli notturni: possono esserne corresponsabili l'ansia da separazione e la dentizione.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti