La tazzetta della Madonna – Grimm – Fiaba

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/12/2015 Aggiornato il 10/12/2015

La fiaba "La tazzetta della Madonna" è una leggenda raccolta dai Fratelli Grimm, il cui titolo originale era Schneewittchen. Impossibile non riconoscere il fiore, conosciuto come vilucchio o convolvolo, dopo aver letto questa storia

La tazzetta della Madonna – Grimm – Fiaba
La tazzetta della Madonna

Una volta un carro, con un pesante carico di vino, si era impantanato in modo che il carrettiere, per quanti sforzi facesse, non riusciva a liberarlo. Proprio in quel momento, la Madonna passava di là e, vedendo in che guaio si trovava quel povero uomo, gli disse: “Sono stanca e ho sete: dammi un bicchier di vino e ti libererò”. “Volentieri” rispose il carrettiere, “ma il bicchiere per il vino non ce l’ho”. Allora la Madonna colse un fiorellino bianco striato di rosso, che si chiama vilucchio e somiglia tutto a una tazzina, e glielo porse. Egli lo riempì di vino e la Madonna bevve; ed ecco, il carro era libero e il carrettiere poté continuar la sua strada.

Il fiorellino si chiama ancor oggi Tazzetta della Madonna.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti