La tazzetta della Madonna – Grimm – Fiaba

La fiaba "La tazzetta della Madonna" è una leggenda raccolta dai Fratelli Grimm, il cui titolo originale era Schneewittchen. Impossibile non riconoscere il fiore, conosciuto come vilucchio o convolvolo, dopo aver letto questa storia

La tazzetta della Madonna

Una volta un carro, con un pesante carico di vino, si era impantanato in modo che il carrettiere, per quanti sforzi facesse, non riusciva a liberarlo. Proprio in quel momento, la Madonna passava di là e, vedendo in che guaio si trovava quel povero uomo, gli disse: “Sono stanca e ho sete: dammi un bicchier di vino e ti libererò”. “Volentieri” rispose il carrettiere, “ma il bicchiere per il vino non ce l’ho”. Allora la Madonna colse un fiorellino bianco striato di rosso, che si chiama vilucchio e somiglia tutto a una tazzina, e glielo porse. Egli lo riempì di vino e la Madonna bevve; ed ecco, il carro era libero e il carrettiere poté continuar la sua strada.

Il fiorellino si chiama ancor oggi Tazzetta della Madonna.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Massaggi anticellulite: si possono fare mentre si allatta?

I massaggi anticellulite possono essere effettuati tranquillamente durante l'allattamento, anche alla luce di una massima che tutte le neomamme dovrebbero fare propria: tutto quello che le fa sentire meglio si rifette positivamente sul bebè.   »

Fai la tua domanda agli specialisti