Uno, due e… tre! –

Laura de Laurentiis A cura di Laura de Laurentiis Pubblicato il 12/06/2019 Aggiornato il 12/06/2019

Quando arriva in casa un terzo fratellino, il secondogenito diventa il bimbo (o la bimba) di mezzo, una condizione che può spiazzarlo perché pone fine al suo ruolo di piccolino di casa. Questa piccola storia è stata pensata per aiutarlo ad accogliere la nuova situazione di buon grado.

Uno, due e… tre! –

Testo di Laura de Laurentiis – Illustrazioni di Andrea Pulcini

C’era una volta un pulcino di nome Lollino. Era un pulcino piccolo, ma così piccolo – aiutatemi a dire piccolo – che quando girava per il pollaio quasi non si vedeva.

tavola pulcino 1 def

Questo pulcino aveva un fratellino maggiore che era già un galletto. Si chiamava Tomino e siccome era un fratello maggiore poteva non fare più il riposino al pomeriggio perché non aveva mai sonno a quell’ora, oppure poteva andarsene in giro senza pannolino  (era comodissimo per lui!) e, soprattutto non usarlo più di notte e poteva perfino andare sulla pista ciclabile, davanti al papà e alla mamma, guidando una bellissima bicicletta rossa senza ruote.

tavola pulcino 2 def

A volte il pulcino Lollino chiedeva: <<Posso fare questo?>> <<Posso fare quello?>> e immancabilmente si sentiva rispondere: <<No, sei ancora piccolo!>>. O peggio: <<Questo lo può fare un fratello maggiore, non un fratello piccolo>>. Lui si innervosiva proprio.

Altre volte lui diceva al suo fratellino maggiore: <<Giochi con me, Tomino?>>. Ma Tomino doveva fare i compiti e gli diceva appunto: <<Non posso, devo fare i compiti>> e lui ci rimaneva un po’ male, anche se aveva capito che sono cose che succedono ai fratelli più piccoli.

Ma un bel giorno accadde una cosa straordinaria. La mamma chioccia e il papà gallo si allontanarono da casa per un po’ di tempo e poi tornarono con un fagottino sotto braccio. Chiamarono Lollino e gli mostrarono cosa c’era dentro: un pulcino piccolo –  ma aiutatemi a dire piccolo –  molto più piccolo di lui che nel frattempo era cresciuto un po’. Era un fratellino nuovo! Lollino lo guardò commosso e poi lo prese sotto le sue ali protettive: adesso toccava a lui fare il fratellino maggiore di qualcuno e questo gli piaceva così tanto che si mise a ridere di felicità.

terza tavola due pulcin def

Le illustrazioni sono di Andrea Pulcini

» Leggi le altre fiabe per bambini

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti