Carlo Magno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 03/07/2013 Aggiornato il 09/01/2015

È una filastrocca perfetta per un contatto giocoso con il bimbo: si può cantare la storia e intanto solleticare il pancino del piccolo, con un'intensità crescente via via che ci si avvicina alla fine della filastrocca. Il "rischio" è che il bimbo voglia risentirla, per giocare, tantissime volte di seguito... 

Carlo Magno

 

 

 

È una filastrocca perfetta per un contatto giocoso con il bimbo: si può cantare la storia e intanto solleticare il pancino del bimbo, con un’intensità crescente via via che ci si avvicina alla fine della filastrocca. Il “rischio” è che il piccola voglia risentirla, per giocare, tantissime volte di seguito… 

 

Carlo Magno, re di Francia


ha tre pulci sulla pancia;


una tira, l’altra molla,


l’altra fabbrica la colla.


Gratta, gratta tutto il dì,


ma le pulci restan lì.

 

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che tira i capelli alla mamma: che fare?

09/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Afferrare i capelli della mamma anche in maniera così decisa da provocare un forte fastidio non è espressione della volontà diel bambino di "farle del male" quanto piuttosto di un desiderio di appropriarsi totalmente di lei.   »

Epatiti dei bambini: c’entra il vaccino contro il CoVid-19?

28/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono elementi che suggeriscano una relazione tra il vaccino contro il coronavirus Sars-CoV-2 e l'epatite acuta dell'età pediatrica.  »

Preoccupata per l’assenza di sintomi “di gravidanza”

19/04/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è così automatico che la gravidanza, una volta iniziata, determini la comparsa di sintomi specifici, quindi l'assenza dei disturbi "tradizionali" (nausea, tensione al seno e così via) non deve essere interpretata come un segnale per forza negativo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti