Carnevale: le feste da non perdere!

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 28/02/2012 Aggiornato il 30/01/2015

Da Venezia a Putigliano, nel barese, ecco le feste di Carnevale più suggestive e tradizionali, dove andare almeno una volta con tutta la famiglia

Carnevale: le feste da non perdere!

 

Tra carri, sfilate e maschere, ogni città italiana festeggia il Carnevale. Ci sono però alcuni appuntamenti che appartengono alla tradizione italiana e che attraggono anche turisti da tutto il mondo. Ecco gli appuntamenti irrinunciabili

Il Carnevale di Venezia

Basta camminare in giro per le calli per trovare maschere meravigliose pronte a farsi fotografare, in abiti perfetti e curati in ogni singolo dettaglio, con il magico sfondo di monumenti e ponti da sogno. E già questo vale un viaggio a Venezia. In più sono organizzate sfilate vere e proprie, a piedi e in gondola, spettacoli e mostre in vari punti della città. Domenica 2 marzo è previsto il tradizionale volo dell’Aquila con Carolina Kostner che scenderà dal campanile di San Marco sopra migliaia di persone. Per info: www.carnevale.venezia.it.

Storico Carnevale di Ivrea (To)

È un evento unico in cui si mescolano storia e leggenda per dare spazio allo spettacolo e alle emozioni. Tutto parte dalla rievocazione di un episodio di liberazione dalla tirannia che si fa risalire al Medioevo: un Barone che affamava il popolo viene cacciato dalla città grazie alla figlia di un mugnaio. Da segnalare la famosa Battaglia delle arance di domenica 2 marzo cui possono partecipare tutti iscrivendosi a una delle nove squadre a piedi o salendo come equipaggio su un carro a getto. Per info: www.storicocarnevaleivrea.it.

Il Carnevale di Viareggio (Lu)

È dal 1873 che Viareggio organizza per Carnevale una sfilata di carrozze addobbate nelle vie principali della città. Oggi il carnevale di Viareggio, famoso ormai anche all’estero, prevede tre chilometri di animazione sul Lungomare, tra balli, coreografie, gruppi musicali e bandistici. Martedì grasso il Corso mascherato, con i giganti di cartapesta che si ispirano alla tradizione ma anche alla politica di oggi, sarà trasmesso anche in diretta tv. Per info: viareggio.ilcarnevale.com.

Il Carnevale di Putigliano (Ba)

Il Carnevale di Putigliano è giunto alla sua 620esima edizione e quest’anno è dedicato a Giuseppe Verdi in occasione del bicentenario della sua nascita. I 7 carri allegorici che sfilano nei Corsi Mascherati hanno ciascuno come tema un’opera del compositore emiliano, mentre le tantissime Maschere di carattere si ispirano all’attualità politica e sociale del nostro Paese. Per ridere e riflettere. Per info: www.carnevalediputignano.it.

In breve

PER UN CARNEVALE SICURO

Il ministero della Salute ha pubblicato una serie di consigli per un Carnevale a misura di bimbo. Ecco i principali: non spruzzare schiume e stelle filanti spray negli occhi perché possono provocare danni alla cornea e in vicinanza di accendini o fiammiferi perché sono prodotti infiammabili; truccare il bambino con prodotti ipoallergenici, facendo una prova su una piccola parte per vedere eventuali reazioni allergiche, ed evitando che i trucchi vengano ingeriti; fare attenzione alle piccole parti dei costumi, come i bottoni e i laccetti, che i bimbi potrebbero mangiare o stringere molto forte.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Terzo cesareo a due anni dal secondo: quali pericoli?
22/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

In realtà i rischi legati a un terzo cesareo sono più o meno gli stessi dei due cesarei precedenti.   »

Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Fai la tua domanda agli specialisti