Le iniziative di Natale per i bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 10/12/2012 Aggiornato il 30/01/2015

Ogni anno sono molte le iniziative di Natale a favore dei più piccoli e sono sia di supporto per chi si trova in difficoltà sia di divertimento per assaporare la magia di questa festa

Le iniziative di Natale per i bambini

 

 

Ecco le segnalazioni della redazione di Bimbisaniebelli.it delle iniziative di Natale in occasione delle prossime festività.

 

1. IL PROGETTO RUGIADA A SOSTEGNO DEI BAMBINI DI CHERNOBYL

Promossa e sostenuta da Weleda e Legambiente, ecco l’iniziativa di Natale per un aiuto sanitario e umanitario.

Un aiuto per la decontaminazione dei bambini

Anche quest’anno Weleda sostiene la campagna umanitaria di Legambiente  a favore dei bambini di Chernobyl. Il Progetto si chiama Rugiada e ha il compito di aiutare i bimbi colpiti dalle radiazioni dopo il disastro nucleare di Chernobyl. Nello specifico, il Progetto Rugiada sostiene un centro situato in una zona non contaminata, dove i “piccoli ospiti” possono passare un periodo di tempo equivalente a circa un mese per decontaminarsi, effettuare controlli sanitari e passare del tempo insieme. Sebbene siano passati quasi trent’anni dal disastro di Chernobyl, gli effetti derivanti dall’esposizione alle radiazioni sono ancora oggi visibili, in particolar modo sui bambini. Il progetto ha un valore importantissimo perché si occupa di aiutare i bambini vittime delle radiazioni di Chernobyl che vivono in villaggi abbandonati a se stessi dove c’è un’elevatissima presenza di radioattività. I bambini saranno accolti nel Centro Speranza dove saranno monitorati dal punto di vista sanitario e, se verranno riscontrate malattie gravi (come i tumori tiroidali), riceveranno cure per tutto l’anno.

Il Centro Speranza in un territorio non contaminato a Vilejka

Il progetto di sostegno a distanza di Legambiente si svolge in un centro all’avanguardia della Bielorussia sulle rive di un lago e in una zona monitorata dall’Emilia-Romagna e decretata non contaminata. La struttura è dotata di pannelli solari e segue pratiche ecosostenibili (utilizzo di biomasse, risparmio energetico, raccolta differenziata, compostaggio e produzioni biologiche). Ogni hanno sono ospiti del centro 432 bambini a cui, oltre alle cure prima descritte vengono offerti vestiti e cibo non contaminato.

Basta acquistare dei prodotti bellezza per dare una mano

Con Weleda, l’azienda di prodotti bio per la bellezza, anche questo potrà diventare un Natale solidale facendo un semplice acquisto: per ogni confezione natalizia venduta (quelle legate al progetto solidarietà sono della linea del Melograno, Rosa mosqueta, Olivello spinoso, Calendula e Limone) sarà donato un euro al Progetto Rugiada.

 

2. MINITALIA LEOLANDIA: PER UN NATALE DA VIVERE OGNI GIORNO

Un’occasione per un regalo originale che porterà il Natale ogni giorno nella vita dei vostri bimbi. A Natale uno dei più grandi parchi-divertimenti del Nord-Ovest, Minitalia Leolandia, propone l’acquisto unico e originale di un abbonamento per l’anno 2013.

Un regalo originale per divertirsi tutto l’anno

Un regalo diverso dal solito che potrà essere acquistato sul sito Internet a partire dal 10 dicembre prossimo.
I costi? 69 euro per gli interi e 56 euro per i ridotti.
Si tratta di un’opportunità unica per scegliere, ogni volta che lo si desidera, di passare una giornata speciale all’insegna della spensieratezza e del divertimento.

Per informazioni

La stagione 2013 di Minitalia Leolandia si aprirà sabato 9 marzo e proseguirà sino al 24 novembre. Per informazioni aggiornate su giorni e orari in base alla stagione, consultare il sito.

 

3. TELETHON: TANTI REGALI PER SOSTENERE LA RICERCA

“Il miglior modo per essere felici è rendere felice qualcun altro” diceva Mark Twain e quest’anno Telethon ha scelto di utilizzare questa frase per promuovere le iniziative per un Natale solidale.

Per una felicità donata e condivisa un acquisto speciale

Sono tanti gli oggetti in vendita anche quest’anno per sostenere Telethon e sono tutti accompagnati da una scritta: la frase di Twain accompagnata da un disegno molto allegro che raffigura tre bambini che giocano.
I nuovi regali solidali sono stati studiati sia per accompagnarci nei giorni di festa sia per vivere il tempo libero e il lavoro. Qualche esempio? La pallina di Natale rossa o dorata, la candela a forma di stella per regalare alla casa calore e spirito natalizio. Oppure la pratica shopper in cotone per fare una spesa ecologica e solidale, la pergamena di auguri, i biglietti di Natale e la sciarpa in pile proposta quest’anno sulle tonalità dell’azzurro. E poi, per tutto l’anno, le deliziose tovagliette da colazione e il grembiule da cucina, le matite e i quaderni per i più piccoli, un calendario da tavolo, un segnalibro, un taccuino…
Insomma, la scelta è ampia e la motivazione a questo tipo di di acquisto è grande.

Per informazioni

Dal 1990 Telethon si occupa di dare una speranza concreta di cura a tutti coloro che combattono contro una malattia genetica, rara e difficile da sconfiggere.
Oggi, per esempio, una sciarpa, un grembiule o un taccuino acquistati con una donazione minima di 10 euro, si sostiene la difficile battaglia per la distrofia muscolare.
In più, ordinando i regali solidali sul sito si può richiedere una simpatica confezione regalo da far recapitare direttamente al destinatario.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti