Regali di Natale solidali: ecco qualche idea

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/12/2012 Aggiornato il 30/01/2015

Si va sempre più diffondendo la tendenza di fare regali di Natale solidali, così da far felici non solo i propri bambini ma anche quelli meno fortunati

Regali di Natale solidali: ecco qualche idea

Aiutare i bambini in difficoltà: questo potrebbe essere il più bel pensiero per Natale. Così, tra tutti i pacchi e i doni, si può scegliere di fare anche dei regali di Natale solidali. In più, in questo modo si insegna ai propri figli il valore della condivisione. E a essere buoni in prima persona, anche se bambini.

La Pigotta dell’Unicef

Lo slogan è “ogni Pigotta adottata, è una vita salvata”. In effetti, questa bambola di pezza fatta a mano è l’emblema dei regali di Natale solidali. La Pigotta è un gioco molto speciale perché adottandola con un’offerta minima di 20 euro, si permette all’Unicef di fornire vaccini, vitamina A, kit ostetrici per parti sicuri, antibiotici e zanzariere antimalaria nei Paesi più bisognosi. In questo modo si salva davvero la vita di un bambino.  Per info: regali.unicef.it

Chicco di Felicità

Chicco e Stroili Oro hanno lanciato una nuova edizione del Chicco di Felicità: una preziosa stella che rientra a pieno titolo tra i regali di Natale solidali. Acquistando questo ciondolo in argento galvanica oro a 10 euro, si aiutano i bambini “Special needs” in attesa di adozione. Si tratta di un progetto di Ai.Bi, Associazione amici dei bambini, sostenuto da Chicco, per supportare le adozioni di quei piccoli che hanno più difficoltà a essere adottati, perché maggiori di 7 anni, con più fratelli o con lievi problemi fisici o psichici. In vendita nei negozi Chicco e Stroili Oro.

Lista dei desideri – Save the Children

Un regalo particolare, magari da scegliere insieme con i bambini più grandicelli, è quello della Lista dei desideri di Save the Children, onlus che opera in tutto il mondo. Basta andare sul sito www.savethechildren.it/desideri, trovare il regalo più indicato e far recapitare simbolicamente ai propri cari e amici, che riceveranno una cartolina o una e-card. I regali tra cui scegliere? Dai vaccini (15 euro) ai kit nascita (29 euro), da un posto a scuola (25 euro) al latte terapeutico per salvare dalla malnutrizione acuta i bambini (8 euro).

Negozi di Natale – Emergency

In tutte le principali città italiane sono stati aperti i Negozi di Natale di Emergency, dove poter acquistare regali il cui ricavato va agli ospedali, anche pediatrici, gestiti dall’associazione di Gino Strada. Per sapere dove si trovano questi negozi si può verificare qui: natale.emergency.it. In ogni caso, è sempre possibile fare donazioni anche on line sul sito www.emergency.it.

Pacchetti Medici senza Frontiere

Tra le varie offerte di questa onlus internazionale ci sono le e-card, dove si può acquistare un pacchetto e inviare gli auguri telematici ai destinatari dei regali, avvisandoli che è stata fatta una donazione all’associazione che opera in oltre 70 Paesi al mondo. Si può scegliere tra tre pacchetti: avvia un programma di vaccinazione contro il morbillo (20 euro), invia un kit medico di emergenza (50 euro) e aiuta una donna a partorire (80 euro). Per info: www.festasenzafrontiere.it.

Cioccolata InterSos

Un’ottima idea regalo di Intersos, un’organizzazione umanitaria senza fini di lucro che agisce in favore delle popolazioni in pericolo, vittime di calamità naturali o di conflitti a fuoco. Per Natale propone la Cioccolata solidale, biologica ed equo solidale, disponibile in vasetto in tre gusti. Con l’acquisto si sostengono i progetti a difesa dell’infanzia nei conflitti e nelle emergenze. Per info: www.intersos.org.

 
 
 

In breve

SI POSSONO DETRARRE DALLE TASSE

Spesso, le donazioni a favore di enti e associazioni benefiche possono essere detratte dalle tasse. A questo scopo è importante conservare la ricevuta, postale o bancaria, degli acquisti. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti