Fumo passivo, cosa succede ai bambini se il papà è stato esposto?

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 14/11/2022 Aggiornato il 14/11/2022

Il fumo passivo fa male anche per interposta persona. I bambini, il cui padre ha respirato fumo passivo, infatti, hanno maggiori probabilità di sviluppare l'asma non allergico. Ecco perché è fondamentale proteggere i bambini dal fumo passivo

fumo passivo: i danni per i bambini

I bambini hanno maggiori probabilità di sviluppare l’asma se il padre è stato esposto al fumo passivo quando era piccolo, e il rischio aumenta se a loro volta il papà, dopo essere stato fumatore passivo, è poi diventato fumatore attivo. La scoperta arriva da un gruppo di studiosi guidati dai ricercatori dell’Università di Melbourne (Australia), che hanno pubblicato i risultati dei loro studi sull’European Respiratory Journal.

Fumo passivo e fumo attivo: quale relazione?

Lo studio si è basato sui dati del Tasmanian Longitudinal Health Study (TAHS), guidato da Shyamali Dharmage dell’Università di Melbourne: iniziato nel 1968, è uno dei più grandi e più lunghi studi sulla salute respiratoria in corso al mondo. I ricercatori hanno esaminato 1.689 bambini cresciuti in Tasmania, i loro padri e i loro nonni paterni, confrontando i dati relativi a un eventuale sviluppo di asma all’età di sette anni con i dati riguardanti il fatto che i padri fossero cresciuti con genitori che fumavano. Hanno, inoltre, incluso dati relativi al fatto che i padri fossero (o fossero stati in passato) fumatori attivi. “Abbiamo scoperto che il rischio di asma non allergico nei bambini aumenta del 59% se i loro padri sono stati esposti al fumo passivo durante l’infanzia, rispetto ai bambini i cui padri non erano stati esposti”, spiegano gli autori dello studio. Rischio che aumenta fino al 72% se i papà, dopo essere stati esposti al fumo passivo, hanno poi iniziato a fumare. I ricercatori spiegano che i loro risultati evidenziano come il fumo possa danneggiare la salute non solo dei fumatori e dei loro figli, ma anche dei loro nipoti.

Danni da fumo passivo: quanto conta l’epigenetica?

Sebbene i ricercatori non siano certi di come questo danno venga trasmesso attraverso le generazioni, secondo Dharmage la spiegazione potrebbe avere a che fare con l’epigenetica, ovvero quel processo in base al quale fattori presenti nel nostro ambiente – come il fumo passivo e attivo di tabacco – interagiscono con i nostri geni per modificarne l’espressione, dando vita a cambiamenti nel corredo genetico che possono essere ereditati. “È possibile che il fumo di tabacco stia creando cambiamenti epigenetici nelle cellule che andranno a produrre lo sperma. Ecco perché questi cambiamenti possono essere trasmessi di generazione in generazione”, ha concluso lo studioso.

 

 

 
 
 

In sintesi

Qual è la differenza tra fumo attivo e fumo passivo?

Quando una sigaretta viene fumata a ogni “boccata” si genera una corrente primaria, il cosiddetto “fumo attivo”; vanno a costituire invece il “fumo passivo” la corrente cosiddetta secondaria, ovvero la combustione passiva della sigaretta, insieme con la corrente terziaria, ovvero il fumo espirato dal fumatore.

Cosa succede se si respira fumo passivo?

Sono molti i danni che il fumo passivo può indurre nell’organismo umano. Non solo patologie cardiache e tumore al polmone: in particolare nei più piccoli il fumo passivo può causare in generale problemi respiratori, sindrome della morte in culla, infezioni all’orecchio e attacchi d’asma.

 

Fonti / Bibliografia

  • Pre-pubertal smoke exposure of fathers and increased risk of offspring asthma: a possible transgenerational effect | European Respiratory SocietyAsthma is a major non-communicable disease in children [1]. Pre- and post-natal exposure to tobacco smoke are major risk factors for childhood asthma [1, 2]. While there is evidence that mothers' intrauterine exposure to second-hand smoke is associated with asthma in the offspring [3, 4], there is also increasing concern that fathers who start smoking before completing puberty may elevate the risk of asthma in their offspring [4, 5]. The suggestion is that this may be as a result of epigenetic changes to sperm precursor (stem) cells during gonadal maturation [4, 5]. However, this is rather speculative, and as yet little is actually known about whether fathers' passive smoke exposure throughout childhood to puberty is indeed associated with increased asthma risk in their offspring.The risk of non-allergic childhood asthma in offspring may increase if their fathers were exposed to pre-pubertal passive smoke <https://bit.ly/3bMHZnP>This study is based on the data collected withi...
  • Fumo passivo e bambini - Ospedale Pediatrico Bambino GesùRespirare il fumo passivo di persone che fumano in casa può causare problemi di salute nei bambini
  • Nella comparsa dei tumori conta anche l'epigeneticaNon sono solo le mutazioni a carico del DNA ad avviare il processo tumorale, ma anche le alterazioni dei suoi sistemi di regolazione.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti