Ginocchia valghe e vare: cosa fare se non si risolvono

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 18/11/2019 Aggiornato il 18/11/2019

Le ginocchia valghe e vare sono difetti tipici dei bambini che tendono a risolversi spontaneamente con la crescita. Ecco cosa si può fare se le due condizioni permangono

Ginocchia valghe e vare: cosa fare se non si risolvono

Comunemente vengono chiamate “gambe a parentesi” e “gambe a X”. Sono due difetti che interessano le ginocchia di molti bambini, scientificamente noti rispettivamente con i nomi di “ginocchia vare” e “ginocchia valghe”, e che solitamente tendono a correggersi con la crescita.

Condizioni fisiologiche

In molti bambini sono osservabili entrambi i difetti: appena prendono confidenza con il camminare, in quasi tutti i bimbi è osservabile una fase di varismo (con le ginocchia che tendono a distanziarsi) che tende poi a evolvere verso una fase di valgismo (ginocchia che tendono ad avvicinarsi assumendo la caratteristica forma a X) intorno ai 3 anni di età. Nella maggior parte dei casi entro i 4-5 anni e in maniera del tutto spontanea l’asse deviato prima verso l’esterno e poi verso l’interno,  tende a tornare neutro. Si parla, in questi casi, di ginocchia vare e ginocchia valghe come di condizioni fisiologiche che tendono a regredire con la crescita.

Se il valgismo non si risolve spontaneamente

Il valgismo, però, può permanere e non regredire spontaneamente, soprattutto in caso di sovrappeso e obesità. In caso di mancata correzione spontanea al raggiungimento degli 11-12 anni e deformità marcata delle gambe “si è dimostrata molto efficace la correzione chirurgica mediante epifisiodesi parziale della cartilagine di accrescimento”, spiega Pierluigi Maglione dell’Unità Operativa di Ortopedia dell’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. “Questo intervento consiste nel bloccare temporaneamente la parte interna della cartilagine di accrescimento del femore e della tibia attraverso l’applicazione di una piccola placca avvitata, consentendo la crescita della sola porzione esterna del ginocchio al fine di ottenere il riallineamento dell’arto inferiore”.

Ricovero breve e ripresa rapida

Questo tipo di intervento sulle ginocchia valghe, oggi molto praticato, può essere eseguito solo durante la fase di sviluppo, cioè prima della chiusura delle cartilagini di accrescimento, e necessita di un ricovero di soli due giorni, con dimissione del piccolo paziente la mattina successiva al giorno dell’intervento. “Inoltre consente di riprendere subito le comuni attività quotidiane. Una volta ottenuto il riallineamento dell’arto operato, mediamente in 12-18 mesi, sarà possibile rimuovere le placche, spesso con un ricovero giornaliero”, spiega sempre Maglione. Una volta raggiunta la maturità ossea, invece, per correggere le ginocchia valghe “è necessario ricorrere a interventi più complessi e invasivi, come l’osteotomia femorale o tibiale, che richiedono un periodo di convalescenza più lungo”.

Se a permanere è il varismo

L’intervento di epifisiodesi è indicato anche nel caso in cui a permanere sia una condizione di ginocchia vare (gambe a parentesi). Se generalmente nella correzione del valgismo si esegue una epifisiodesi della cartilagine di accrescimento mediale del femore, nella correzione del varismo si esegue una epifisiodesi della cartilagine di accrescimento laterale della tibia.

 

 

Da sapere!

Per la correzione delle ginocchia valghe in caso di obesità è sempre opportuno ridurre il peso corporeo attraverso un corretto regime dietetico e un’attività sportiva regolare. A oggi nessuno studio ha mai dimostrato l’efficacia correttiva di plantari, calzature o altri presidi ortopedici, così come di una determinata attività sportiva.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Forte raffreddore e un episodio di febbre a inizio gravidanza: ci sono rischi?

12/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Nessuno studio finora si è rivelato conclusivo circa la relazione tra comparsa della febbre e malformazioni nel feto.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti