Giocare nel verde favorisce lo sviluppo dei bambini

Roberta Camisasca
A cura di Roberta Camisasca
Pubblicato il 20/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Giocare nel verde o comunque all’aria aperta ha evidenti benefici sullo sviluppo dei bambini: buonumore, creatività, sviluppo fisico ma anche cerebrale. Ecco perché

Giocare nel verde favorisce lo sviluppo dei bambini

Giocare nel verde (parchi, giardini, boschi) aiuta lo sviluppo cerebrale dei bambini. I piccoli che possono beneficiare dell’aria aperta hanno, infatti, un volume maggiore di materia bianca e grigia in alcune aree del cervello e queste differenze anatomiche rispetto ai coetanei hanno effetti benefici sulle funzioni cognitive. A evidenziarlo è uno studio guidato dal Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), in collaborazione con l’Hospital Del Mar e la Ucla Fielding School of Public Health, condotto su un gruppo di 253 scolari a Barcellona (Spagna).

Riscontri scientifici

Usando immagini di risonanza magnetica 3D ad alta risoluzione, gli studiosi hanno dimostrato che giocare nel verde è associato positivamente al volume di materia bianca e grigia in alcune parti del cervello che si sovrappongono parzialmente a quelle associate a punteggi più alti nei test cognitivi. Inoltre, i massimi volumi di materia bianca e grigia nelle regioni associate all’esposizione agli spazi verdi hanno predetto una migliore memoria di lavoro, relativa al mantenimento temporaneo delle informazioni e alla loro elaborazione, e una minore disattenzione. Secondo alcune ipotesi citate dagli studiosi, giocare nel verde, in spazi verdi, fornirebbe ai bambini opportunità di rigenerazione psicologica e promuoverebbero importanti esercizi di scoperta, creatività e assunzione di rischi. Inoltre, queste aree presentano spesso livelli inferiori di inquinamento atmosferico e rumore.

Benefici a tutto campo

Le ricerche in psicologia ambientale, condotte soprattutto negli Stati Uniti e nel Nord Europa, hanno evidenziato gli effetti positivi del contatto tra uomo e natura. È provato che giocare all’aria aperta, fare un picnic, andare in bicicletta o passeggiare in parchi e giardini regolarizza il battito cardiaco, modula la pressione arteriosa, stimola la memoria, le capacità cognitive, il buonumore, sia negli adulti sia nei bambini. È quindi importante incentivare il più possibile questa abitudine, soprattutto ora che il dilagare dei dispositivi digitali, dagli smartphone ai videogiochi, sta facendo perdere ai bambini il contatto con la natura e gli spazi verdi.

 

Lo sapevi che?

Esiste anche una vera e propria “terapia dei boschi” (forest bathing), nata in Giappone e poi diffusasi anche da noi, che spiega i benefici scientifici del contatto con la natura.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti