Giocare nel verde favorisce lo sviluppo dei bambini

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 20/04/2018 Aggiornato il 04/08/2018

Giocare nel verde o comunque all’aria aperta ha evidenti benefici sullo sviluppo dei bambini: buonumore, creatività, sviluppo fisico ma anche cerebrale. Ecco perché

Giocare nel verde favorisce lo sviluppo dei bambini

Giocare nel verde (parchi, giardini, boschi) aiuta lo sviluppo cerebrale dei bambini. I piccoli che possono beneficiare dell’aria aperta hanno, infatti, un volume maggiore di materia bianca e grigia in alcune aree del cervello e queste differenze anatomiche rispetto ai coetanei hanno effetti benefici sulle funzioni cognitive. A evidenziarlo è uno studio guidato dal Barcelona Institute for Global Health (ISGlobal), in collaborazione con l’Hospital Del Mar e la Ucla Fielding School of Public Health, condotto su un gruppo di 253 scolari a Barcellona (Spagna).

Riscontri scientifici

Usando immagini di risonanza magnetica 3D ad alta risoluzione, gli studiosi hanno dimostrato che giocare nel verde è associato positivamente al volume di materia bianca e grigia in alcune parti del cervello che si sovrappongono parzialmente a quelle associate a punteggi più alti nei test cognitivi. Inoltre, i massimi volumi di materia bianca e grigia nelle regioni associate all’esposizione agli spazi verdi hanno predetto una migliore memoria di lavoro, relativa al mantenimento temporaneo delle informazioni e alla loro elaborazione, e una minore disattenzione. Secondo alcune ipotesi citate dagli studiosi, giocare nel verde, in spazi verdi, fornirebbe ai bambini opportunità di rigenerazione psicologica e promuoverebbero importanti esercizi di scoperta, creatività e assunzione di rischi. Inoltre, queste aree presentano spesso livelli inferiori di inquinamento atmosferico e rumore.

Benefici a tutto campo

Le ricerche in psicologia ambientale, condotte soprattutto negli Stati Uniti e nel Nord Europa, hanno evidenziato gli effetti positivi del contatto tra uomo e natura. È provato che giocare all’aria aperta, fare un picnic, andare in bicicletta o passeggiare in parchi e giardini regolarizza il battito cardiaco, modula la pressione arteriosa, stimola la memoria, le capacità cognitive, il buonumore, sia negli adulti sia nei bambini. È quindi importante incentivare il più possibile questa abitudine, soprattutto ora che il dilagare dei dispositivi digitali, dagli smartphone ai videogiochi, sta facendo perdere ai bambini il contatto con la natura e gli spazi verdi.

 

Lo sapevi che?

Esiste anche una vera e propria “terapia dei boschi” (forest bathing), nata in Giappone e poi diffusasi anche da noi, che spiega i benefici scientifici del contatto con la natura.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti