I giorni della merla spiegati ai bambini: la leggenda e la filastrocca

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 22/01/2024 Aggiornato il 22/01/2024

Spiegare i giorni della merla ai bambini: scopriamo la leggenda, la filastrocca e come raccontarle al meglio con alcuni trucchi e consigli

I giorni della merla spiegati ai bambini: la leggenda e la filastrocca

Quella dei giorni della merla è una delle storie della tradizione che ancora oggi è sempre un piacere ricordare e raccontare ai più piccoli durante i giorni e le serate invernali. Una leggenda che affascina e permette di spiegare gli accadimenti naturali con un tocco di magia. La storia narra di una merla bianca impegnata a sopravvivere ai giorni dal 29 al 31 gennaio che, secondo tradizione, sarebbero quelli con le temperature più rigide dell’anno. Scopriamo la leggenda e le sue diverse versioni, come raccontarla al meglio ai bambini e una delle filastrocche più apprezzate.

La leggenda sui giorni della merla

La leggenda popolare sui giorni della merla racconta perché i merli, originariamente con un piumaggio bianco, abbiano oggi piume nerissime. Nella versione più semplice, la candida merla cerca un riparo caldo per lei e i suoi piccoli durante gli ultimi giorni di gennaio. Non sapendo dove andare, la merla sceglie il comignolo fumante di una casa con il camino acceso per sfuggire al freddo. I tre giorni trascorsi al caldo del comignolo permisero alla merla e ai piccoli di salvarsi. La fuliggine e il fumo, però, colorarono per sempre le loro piume di un nero intenso, ed è così ancora oggi.

In una versione alternativa della storia, si racconta anche perché febbraio abbia solo 28 giorni e gennaio 31. Gennaio, infatti, all’epoca contava 28 giorni ed era un mese particolarmente scontroso, che si divertiva a disturbare con il suo freddo una merla bianca, così da impedirle di cercare il cibo per i suoi piccoli. Disperata, la merla chiese a gennaio di durare meno, il mese però non le diede retta. L’anno successivo, così, la merla decise di fare scorta di cibo e di trascorrere tutto il mese nel nido. Sentitosi preso in giro, gennaio chiese tre giorni in prestito a febbraio per vendicarsi e scatenare la propria ira con una bufera di neve mai vista prima. Per sopravvivere, la merla bianca fu costretta a nascondersi per tre giorni in un comignolo. Il fumo e la fuliggine del camino acceso colorarono, però, di nero le sue piume. Da allora, i merli sono neri e gennaio conta 31 giorni.

Come spiegare i giorni della merla in parole semplici

La leggenda si presta benissimo a essere raccontata ai più piccoli, grazie ai suoi personaggi semplici da ricordare e a un cambiamento tanto radicale quanto facile da comprendere, qual è il passaggio dal bianco al nero della merla. Il racconto permette, inoltre, ai bambini di familiarizzare con gli avvenimenti naturali e provare emozioni come lo stupore. Al tempo stesso, la storia può essere utilizzata come molla perfetta per sviluppare in loro la curiosità e lo spirito di osservazione, giocando per esempio a cercare merli al parco o in giardino, oppure i comignoli fumanti durante una gita in città.

Per rendere più semplice la comprensione del racconto, coinvolgere maggiormente i più piccoli e permettere loro di memorizzare al meglio la storia, possiamo accompagnare le nostre parole a un disegno raffigurante gli accadimenti più importanti. In questo modo, il racconto diventerà un momento ancora più magico e simpatico e, al termine della storia, saranno i bambini a completare l’opera colorando di nero le piume della merla. Nella nostra sezione dedicata è possibile trovare altre fiabe per i più piccoli.

Filastrocca dei giorni della merla

La leggenda dei giorni della merla porta con sé anche diversi detti e filastrocche. Tra i modi di dire associati al racconto c’è senza dubbio quello che spiega come “se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella, mentre se sono caldi, la primavera tarderà ad arrivare”. Come filastrocca proponiamo, invece, quella di Jolanda Restano, tra le più apprezzate autrici contemporanee:

Oh che freddo! Oh che gelo!
Vento forte e nubi in cielo!
La pozzanghera è ghiacciata,
la grondaia si è gelata!

Indossiam sciarpe e cappelli,
bei maglioni e gran mantelli,
paraorecchie e poi giacconi
canottiere, calzettoni!

Ma ‘sto freddo non va via:
gela tutto, mamma mia!
Più pungente di una sberla:
sono i giorni della merla!

In copertina foto di Marek Bojczuk via pexels.com   

 

 

In breve

Raccontare la semplice storia dei giorni della merla permette ai bambini di familiarizzare al meglio con i cambiamenti della natura e ad appassionarsi al racconto.

 

» Leggi le altre fiabe per bambini

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti