Gli alberi aiutano lo sviluppo del cervello

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 10/09/2021 Aggiornato il 10/09/2021

Chi trascorre molto tempo nelle vicinanze di aree con alberi sviluppa migliori abilità cognitive ed è meno incline a sviluppare patologie mentali nella propria vita, soprattutto in adolescenza

Gli alberi aiutano lo sviluppo del cervello

Cosa c’è di meglio in una bella passeggiata tra gli alberi? Adesso, poi, che la temperatura è mite, ritagliarsi del tempo con i nostri figli anche in un piccolo bosco cittadino fa bene a noi ma fa bene soprattutto alla loro salute mentale. È da tenere presente nell’organizzazione del proprio tempo libero con la famiglia.

Migliorano le abilità cognitive

Secondo un gruppo di studiosi dello University college of London e dell’Imperial college chi passa molto tempo tra gli alberi sviluppa migliori abilità cognitive ed è meno predisposto allo sviluppo di disturbi comportamentali e mentali nel corso della vita. La ricerca è stata pubblicata su Nature sustainability.

Proprio gli alberi potrebbero aiutare il processo di sviluppo neuronale nei bambini. Lo studio, condotto su 3.568 studenti, di età compresa tra 9 e 15 anni che vivevano a Londra e dintorni, ha dimostrato che i bambini che avevano trascorso più tempo tra gli alberi avevano mostrato un miglioramento delle capacità cognitive e della salute mentale in generale in età adolescenziale.  

Terapia di rilassamento

Prati, fiumi o laghi non sembrano, invece, avere lo stesso effetto degli alberi. «Questi risultati suggeriscono che non tutti i tipi di ambiente naturale possono contribuire allo stesso modo a questi benefici per la salute» spiega Mikaël Maes, primo autore dello studio. “Il bagno nel bosco, per esempio (essere immersi nella vista, nei suoni e negli odori di una piccola foresta anche urbana), è una terapia di rilassamento che è stata associata a benefici fisiologici, sostenendo la funzione immunitaria umana, riducendo la variabilità della frequenza cardiaca e il cortisolo salivare e con vari altri benefici psicologici. Tuttavia, le ragioni per cui sperimentiamo questi benefici psicologici nel bosco rimangono sconosciute”. 

 
 

Da ricordare

PIÙ ALBERI IN CITTÀ

Studi come questo dovrebbero essere presi in considerazione per la pianificazione urbana. Privilegiare l’ambiente naturale aiuta l’ecosistema nonché lo sviluppo cognitivo e la salute mentale dei più piccoli.

Fonti / Bibliografia

  • Benefit of woodland and other natural environments for adolescents’ cognition and mental health | Nature SustainabilityEpidemiological studies have established positive associations of urban nature with cognitive development and mental health. However, why specifically these health benefits are received remains unclear, especially in adolescents. We used longitudinal data in a cohort of 3,568 adolescents aged 9 to 15 years at 31 schools across London, UK, to examine the associations between natural-environment types and adolescents’ cognitive development, mental health and overall well-being. We characterized natural-environment types in three tiers, where natural space was distinguished into green and blue space, and green space was further distinguished into woodland and grassland. We showed that, after adjusting for other confounding variables, higher daily exposure to woodland, but not grassland, was associated with higher scores for cognitive development and a lower risk of emotional and behavioural problems for adolescents. A similar but smaller effect was seen for green space, but not blue...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti