I cinque effetti benefici della merenda

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 27/01/2020 Aggiornato il 27/01/2020

È un pasto spesso sottovalutato e invece è fondamentale nella dieta dei bambini. Ecco le regole da seguire per una merenda sana e completa

I cinque effetti benefici della merenda

Anche se alcuni la sottovalutano, la merenda rappresenta uno dei pasti fondamentali per un bambino. Infatti, assicura il giusto rifornimento di energia fra un pasto e l’altro, evitando così che il piccolo arrivi troppo affamato al pranzo e alla cena. Ma non solo: uno studio condotto da un gruppo di esperti italiani, con il coordinamento di Nutrition Fondation of Italy, e pubblicato sull’International Journal of Food Sciences and Nutrition, rivela che gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio hanno almeno cinque effetti benefici.

È un pasto fondamentale

Secondo gli autori dello studio, una merenda sana ed equilibrata è un’alleata della salute e del benessere dei bambini per almeno cinque ragioni:

  1. garantisce un maggior controllo dell’appetito;
  2. ha un impatto favorevole sul metabolismo;
  3. contribuisce alla qualità della dieta;
  4. se consumata nell’ambito di un’alimentazione varia e adeguata al fabbisogno individuale, aiuta a tenere sotto controllo il peso;
  5. può diminuire il livello di stress agendo come “comfort food”. In pratica, regala al bambino soddisfazione e appagamento, senza alterare il bilancio complessivo di energia e nutrienti.

Meglio variare il più possibile

Ma qual è la merenda ideale? Occorre sapere che lo spuntino mattutino dovrebbe fornire il 5-8% delle calorie giornaliere e quello pomeridiano il 7-10%. Entrambi, inoltre, dovrebbero essere nutrienti, cioè contenere carboidrati, grassi e una piccola quantità di proteine e vitamine. Se possibile, sarebbe bene variarli il più possibile nell’arco della settimana, tenendo conto anche dei gusti del bambino. Via libera, dunque, a frutta o frullati senza zuccheri aggiunti, yogurt, biscotti, grissini, piccoli panini, ma anche a marmellate, gelati, merende confezionate. La cosa importante nell’alimentazione per bambini è usare il buon senso: non bisogna mai esagerare con gli snack meno salutari e bisogna fare attenzione al resto dell’alimentazione, che deve essere sempre sana e bilanciata.

Spuntini già pronti

A merenda si possono proporre al bambino anche prodotti già pronti, come i nuovi spuntini completi di Citterio, nati grazie alla collaborazione con Disney Italia e all’adesione al progetto Cucina Disney.

 

Da sapere

RICORDARSI DI DARE DA BERE
A merenda è importante dare sempre anche una bevanda perché il bambino ha bisogno di idratarsi. L’ideale è offrirgli una merenda solida accompagnata da un liquido: acqua, latte, frullato, tè. Meglio evitare, invece, le bevande dolci o dolcificate, gassate e non.

 

Fonti / Bibliografia
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Fai la tua domanda agli specialisti