I danni da smog si trasmettono anche ai figli

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 26/11/2021 Aggiornato il 26/11/2021

La nocività dello smog si trasmette geneticamente dai genitori ai figli. A rivelarlo sono numerosi studi, che hanno spinto i pediatri a lanciare l’allarme

I danni da smog si trasmettono anche ai figli

La Fimp (Federazione italiana Medici Pediatri), di concerto con la Sin (Società italiana di Neonatologia) e la Sip (Società italiana di Pediatria) avverte le autorità circa i rischi legati alla nocività dello smog sulla salute dei bambini e chiedere azioni concrete. Anche perché l’inquinamento atmosferico si trasmette geneticamente e può compromettere la salute dei piccoli e creare problemi con l’avanzare dell’età.

I problemi derivati dallo smog

L’esposizione allo smog fa, infatti, crescere il tasso di mortalità infantile, ma comporta anche disturbi nello sviluppo neurologico ed è concausa di otiti e obesità nonché tra i fattori dell’insorgere di disturbi nello sviluppo neurologico, asma e allergie e nella salute dei polmoni.

Attenzione ai primi 1000 giorni di vita

L’allarme delle tre importanti realtà pediatriche è contenuto nel documento di consenso “Ambiente e primi 1000 giorni”,  che riprende numerosi studi sugli effetti dell’inquinamento atmosferico nei primi 1000 giorni di vita, dal concepimento al termine del secondo anno di vita.

L’obiettivo è quello di prevenire i problemi e malattie, informando e formando le famiglie. Perché, come spiegato dal vicepresidente della Sip, Rino Agostiniani, conoscere il rischio consentirebbe di attuare le corrette e tempestive strategie preventive per salvaguardare la salute di genitori, figli e generazioni future.

Nuove linee guida dell’Oms in tema di smog

Un ulteriore importante passo per correggere il tiro in tema di smog è stato fatto direttamente dalle nuove linee guida sulla qualità dell’aria redatto dall’Oms, che hanno ridotto sensibilmente i limiti per l’esposizione a lungo termine agli inquinanti più dannosi per la nostra salute e quella dei più piccoli.

 

Da sapere

Come sottolineato dal dottor Luca Ronfani, referente scientifico del progetto, il documento ha preso in esame l’inquinamento dell’aria (particolato, biossido di azoto e ozono) prodotto da mezzi di trasporto, emissioni industriali e riscaldamento domestico.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti