I pediatri consigliano: i bambini fateli giocare all’aperto anche in inverno

Patrizia Masini A cura di Patrizia Masini Pubblicato il 07/12/2018 Aggiornato il 10/12/2018

Occorre sfatare il mito secondo cui in inverno i bambini devono restare chiusi in casa per evitare malattie o contagi. Niente di più sbagliato, dicono gli esperti. Ecco perché

I pediatri consigliano: i bambini fateli giocare all’aperto anche in inverno

A differenza di quanto i genitori pensano, i bambini corrono molti meno rischi di ammalarsi nella stagione fredda se non viene loro proibito di giocare all’aperto.  “Con l’arrivo delle temperature fredde, i genitori hanno paura di lasciare i figli all’aria aperta, perché temono per la loro salute – spiega la professoressa Susanna Esposito, presidente WAidid e Ordinario di pediatria all’Università degli Studi di Perugia -. In realtà, se ben coperti e portati fuori nelle ore centrali della giornata, hanno minori possibilità di essere esposti agli agenti infettivi di quante ne hanno se rimangono a lungo in luoghi poco areati. Infatti, i contatti ravvicinati con altri bambini o, più in generale, con i soggetti malati, sono una delle principali modalità di trasmissione delle malattie infettive.

Sì ai giochi all’aria aperta: basta coprire un po’ di più i bimbi

Insomma, il prezioso consiglio dell’esperta è di far continuare i bambini a giocare all’aria aperta anche in inverno: è sufficiente coprirli un po’ di più perché nei primi anni di vita le capacità di termoregolazione sono minori.
L’importante è che i bimbi indossino cappello, guanti e sciarpa se le temperature subiscono un sensibile abbassamento. Serve, infatti, che orecchie e gola siano protette per prevenire otiti e bronchioliti tipiche di questa stagione.
Un’altra importante precauzione è quella di cambiare subito gli indumenti se a giocare all’aria aperta nella neve o sciando i bambini si bagnano gli abiti.

I consigli dei pediatri  per prevenire i malanni

– In casa aerare i locali 2-3 volte al giorno;
– evitare contatti con soggetti malati;
– non esporre i bimbi al fumo passivo;
– coprire in modo adeguato i bambini che vanno in montagna e ricordarsi di cambiarli qualora si bagnassero.
A ogni modo gli esperti precisano che i malanni di stagione non possono essere evitati del tutto, soprattutto dopo aver affrontato un “autunno caldo” come quello di quest’anno: con i climi caldi, infatti, virus e batteri sopravvivono. In più, il Natale appena trascorso ha reso possibile una maggiore diffusione di virus respiratori, otiti e bronchioliti.

In breve

IN CASA I GERMI PROLIFICANO

Largo alle attività all’aria aperta anche in inverno purché adeguatamente coperti. I bambini non devono restare chiusi in casa perché, con il freddo, virus e batteri si debellano molto più facilmente fuori che in luoghi chiusi dove ristagnano e i contagi sono più facili. Ecco che cosa consigliano gli esperti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti