Il bambino ha la febbre: che fare?

Silvia Finazzi A cura di Silvia Finazzi Pubblicato il 11/12/2020 Aggiornato il 11/12/2020

Se il bambino ha la febbre va consultato subito il pediatra. È importante poi idratarlo e scoprirlo. Non obbligarlo a mangiare e a stare a letto se non vuole

Il bambino ha la febbre: che fare?

Quando il bambino ha la febbre, spesso, i genitori si allarmano e chiamano subito il pediatra. È giusto perché in tempi di rischio di Covid-19 il medico va allertato, ma, in realtà, non si tratta di un “nemico”: anzi, è segno che l’organismo sta reagendo a un’aggressione. Solo in alcuni casi diventa preoccupante.

Solo sopra i 38° gradi

Quella che molti genitori chiamano febbre, non sempre lo è. Infatti, la vera febbre inizia quando la temperatura supera i 38° gradi, misurata con la punta del termometro nel sederino. Occorre sapere che l’organismo dei bambini consuma più energia di quello degli adulti e, quindi, produce più calore. I medici definiscono il lieve rialzo termico “febbricola”.

Una reazione positiva

Mamma e papà tendono ad allarmarsi quando il bambino ha la febbre. In realtà, non si tratta di un nemico. Al contrario. Come spiegato nel sito dell’Ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma “la febbre gioca un ruolo importante nella fisiologica risposta di difesa dell’organismo agli agenti infettivi”. Il calore, infatti, aumenta la risposta immunitaria e tiene sotto controllo virus e batteri, impedendo loro di svilupparsi troppo. Si tratta, inoltre, di una sorta di segnale d’allarme, che avverte che nell’organismo è presente un elemento estraneo che potrebbe danneggiarlo.

Tante le cause

Ma quali sono i disturbi che più spesso fanno salire la temperatura a un bimbo piccolo? Sicuramente, una delle cause più comuni di febbre nei bambini è rappresentata dalle malattie da raffreddamento, come influenza, otiti, tracheiti, bronchiti. Anche alcune malattie esantematiche, come la varicella e la sesta malattia, possono provocare un rialzo febbrile. Ma sono davvero numerosi i fattori che possono manifestarsi con la febbre, per esempio gastroenterite e cistite.

Attenzione al Covid-19

Fra le cause della febbre dei bambini non si può dimenticare il Covid-19.  Insieme a tosse e raffreddore, infatti, il rialzo febbrile è uno dei sintomi di esordio più frequenti della malattia in età infantile. Per questo, se il piccolo ha un rialzo della temperatura è fondamentale rivolgersi al pediatra e chiedere consigli su come comportarsi ed eventualmente prescriverà un tampone.

Sì agli antipiretici

Se il bambino, oltre ad avere la febbre, non sta bene e si lamenta è possibile, sempre su consiglio del pediatra, ricorrere ai farmaci antipiretici.

Liquidi, liquidi, liquidi

Come ricordato dagli specialisti di Humanitas San Pio X su sito dell’ospedale è importante anche che il bambino sia idratato: se è piccolo, è bene offrirgli spesso il seno o aggiungere più acqua al biberon, se è più grandicello dargli con frequenza da bere.

Non forzarlo

Per favorire la dispersione del calore, vestirlo con abiti leggeri o spogliarlo. Se vuole giocare, non obbligarlo a stare a letto. Non forzarlo a mangiare se non se la sente: l’inappetenza è un meccanismo attraverso il quale l’organismo cerca di risparmiare al massimo le sue energie.

 

 

 
 
 

Da sapere

Per misurare la febbre nei bambini è bene ricorrere ai termometri a Galinstan, una lega che ha sostituito il mercurio. La misurazione rettale è più attendibile.

 

Fonti / Bibliografia

  • Febbre - Ospedale Pediatrico Bambino GesùLa febbre è il sintomo di una patologia le cui cause devono essere identificate. I consigli utili per conoscere e affrontare da vicino la più comune delle eventualità pediatriche.
  • Febbre nei bambini: come comportarsi? I consigli del pediatra - Humanitas San Pio XLa febbre è un sintomo piuttosto comune, ma quando colpisce i bambini è spesso fonte di preoccupazione per i genitori. Grazie all’aiuto del dottor Marco Nuara, pediatra in Humanitas San Pio X, vediamo che cos’è la febbre, come comportarsi se il bambino ha la febbre e quando è il caso di consultare il pediatra. Che […]
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti