Il bullismo cronico provoca danni al cervello

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 01/03/2019 Aggiornato il 01/03/2019

Le vittime di bullismo cronico possono avere come conseguenza nel tempo non soltanto problemi psicologici, ma anche mentali

Il bullismo cronico provoca danni al cervello

Si sapeva che il bullismo cronico facesse male, ma non che arrivasse a fare danni anche al cervello del ragazzo bullizzato. Si tratta del primo studio che mostra come, le vessazioni continue da parte del gruppo dei pari, possono avere delle ripercussioni non solo psicologiche, ma anche sul cervello, e portare quindi a futuri problemi di salute mentale.

Forti ripercussioni sulla vittima

Il bullismo cronico è un comportamento di vittimizzazione, fatto di aggressioni e soprusi, che avviene in modo continuato nel tempo. Una ricerca condotta da Erin Burke Quinlan del King’s College di Londra e pubblicata su Molecular Psychiatry, ha mostrato che nel cervello degli adolescenti vittime di bullismo cronico si notano delle differenze strutturali.

Tanti fattori analizzati

I ricercatori inglesi hanno analizzato i dati di questionari e le scansioni del cervello di 682 partecipanti tra i 14 e i 19 anni, provenienti dall’Inghilterra, Francia, Irlanda e Germania e facenti parte del progetto Imagen, uno studio a lungo termine che ha lo scopo di analizzare lo sviluppo cerebrale degli adolescenti e la loro salute mentale.

Differenze in chi ha subito bullismo a lungo

All’età di 14, 16 e 19 anni i ragazzi hanno compilato un questionario che indagava le caratteristiche del bullismo subìto (modalità, tipologia e durata): i risultati mostravano che 36 ragazzi su 682 sono stati vittime di bullismo di tipo cronico. I dati di tale questionario sono stati comparati con quelli ottenuti dai ragazzi che non avevano subito bullismo o che non lo avevano subito in modo continuativo. I risultati hanno confermato la correlazione tra il bullismo subito e il disagio mentale che ne consegue, come era già emerso in studi precedenti.

Cambiamenti in alcune parti del cervello

La scoperta è che alcune parti del cervello, nei ragazzi vittime di bullismo cronico, risulterebbero avere un volume ridotto rispetto alla norma. Tali strutture sono il putamen e il nucleo caudato, che insieme formano il corpo striato e sono collegati ai comportamenti riguardanti la sensibilità, la motivazione, l’attenzione e l’elaborazione emotiva.

 

 

Da sapere

INTERVENIRE SUBITO

Secondo il capo della ricerca Burke Quinlan, alla luce anche delle nuove scoperte diventa ancora più importante avere fretta di contrastare il bullismo tra gli adolescenti, prima che diventi un così grave problema da arrivare a modificare il cervello, causando un aumento di problemi di salute mentale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Antipsicotico in gravidanza: come si scala?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di “La Redazione”

In nessun caso e per nessuna ragione si deve sospendere un antipsicotici o anche solo diminuirne la dose di propria iniziativa, ma sempre e solo su consiglio dello psichiatra che lo ha prescritto.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti