Il Gatto, la Donnola e il Coniglio – La Fontaine – BimbiSani e Belli

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 07/01/2015 Aggiornato il 07/01/2015

Il Gatto, la Donnola e il Coniglio, versione della favola realizzata dallo scrittore francese Jean de La Fontaine. Una storia da raccontare e leggere ai tuoi bambini.

Il Gatto, la Donnola e il Coniglio

Un bel mattino donna Donnoletta,
colto il momento, nella casa entrò
d’un giovane Coniglio.
E mentre ch’egli è fuori a far l’amore
nella rugiada, in mezzo al timo in fiore,
le masserizie sue vi collocò.

Quando il Coniglio ebbe mangiato ed ebbe
saltato e rosicchiato,
a casa sua tornò.
Ma proprio in quel momento
ch’entrava nell’oscuro appartamento,
alla finestra l’altra si affacciò.

– Santa ospitalità! che vedo io qui? –
disse il Coniglio fermo sulla porta.
– O signora Faina prepotente,
faccia il piacer d’uscirne immantinente,
o chiamo tutti i Topi del paese
che la faran sgombrar ed a sue spese.

– Che? la terra – risposegli madama
dal naso aguzzo, – è di chi se la piglia.
E proprio non consiglio per sì poco
d’una guerra tentar l’incerto gioco.

E poi per qual ragione
soltanto suo proclama
un luogo ove si arrampica
pel primo anche il padrone?

Qual legge, qual diritto,
e su qual carta è scritto
che questa tana sia
di Pietro, di Martin quondam Iseppe,
o piuttosto di Gianni od anche mia? –

Gian Coniglio rispose che anche l’uso
è buona legge e che per questo ei crede
d’aver diritto. Il nonno suo Belmuso
lasciò la casa al padre suo Belpiede,
dal quale venne al figlio,
ch’è lui, Giovan Coniglio.

– Se del primo occupante tu ritieni –
la Donnola rispose, –
giusta la legge, vieni
e interroghiam Mammone,
ch’è giudice sicuro in queste cose -.

Era questi un gatton grasso e bonario,
un sant’uomo di gatto,
tutto pel, tutto gozzo e tutto lardo,
e che facea la vita
beata di pacifico eremita.

Buon giudice del resto in ogni sorta
di casi… Vanno, picchiano alla porta,
deo gratias… – Miei figliuoli, –
dice padre Leccardo, –
venite pure avanti,
perché sapete, gli anni
m’han fatto sordo, oltre agli altri malanni -.

Vanno i due litiganti,
senza nessun sospetto,
al suo santo cospetto.
Quando il padre Leccardo, il santo scaltro,
li vide bene a tiro,
aprendo le due zampe, all’uno e all’altro
aggiustò le partite in un sospiro.

Così capita spesso
a certi staterelli, che giustizia
chiedon a un diplomatico congresso.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competent. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti