Il lupo pastore – Esopo

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 12/04/2017 Aggiornato il 12/04/2017

Il lupo pastore, nella versione di Esopo, spiega che non bisogna mai fingere di essere qualcun altro, altrimenti... Una storia da raccontare ai tuoi bambini per riflettere sulla necessità di essere sempre se stessi

Il lupo pastore – Esopo
Il lupo pastore

Un lupo che non aveva avuto molta fortuna nell’andare a caccia di pecore e che non mangiava da parecchi giorni, studiò un’astuta soluzione per riempirsi la pancia. Si avvicinò piano piano ad un gregge mentre il pastore e il cane dormivano e, impadronitosi del mantello, del cappello e del bastone del pastore, si rivestì con quegli indumenti così da poter essere scambiato per il vero pastore e condurre con sé le pecore per mangiarle poi un po’ alla volta.

Un piano perfetto

“Bene, bene” diceva “è davvero una bella trovata. Con questa splendida idea farò un bel colpo. Le pecore mi seguiranno, perché mi scambieranno per il pastore, io le condurrò nella mia tana e da lì non potranno più scappare. Avrò da mangiare per un bel pezzo e non dovrò correre di qua e di là come ho fatto fino ad ora faticando per niente”. Intanto notava soddisfatto che il vero pastore e il cane continuavano a dormire profondamente e si immaginava già nella sua tana con la pancia piena. “Più tardi” pensava “dormirò anch’io tranquillo senza sentire più i morsi della fame che impediscono di riposare”.

La voce però…

Si avvicinò ancora di più al gregge e gli venne in mente che per assomigliare maggiormente al vero pastore doveva imitarne anche la voce. Ci provò, ma invece della dolce voce del pastore gli uscì un ululato spaventoso che svegliò insieme al gregge anche il vero pastore e il cane: gli era andata male! Non avrebbe mangiato quella carne tenera che già aveva gustato con gli occhi. A questo punto l’unica cosa da fare era di darsela a gambe. “Qui bisogna salvare almeno la pelle” pensò il lupo, ma il mantello, il bastone e tutti gli arnesi che si era messo addosso gli impedirono di scappare. Inciampava da tutte le parti finché cadde e fu raggiunto dal cane e dal vero pastore che gli diede tante bastonate da lasciarlo mezzo morto.

Un lupo resta un lupo

Con la coda tra le gambe, ferito e più affamato che mai il lupo se ne tornò alla sua tana dove piangendo si disse: “Volevo fare il furbo, ma non ci sono riuscito. Sono nato lupo e credevo di poter diventare pastore. Devo rassegnarmi a essere quello che sono: sono un lupo ed è meglio che faccia il lupo. Meglio restare qualche volta a stomaco vuoto piuttosto che prendere tante bastonate.”

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Dopo il vaccino niente farmaci per più di un mese?
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'indicazione di non somministrare alcuna medicina (escluso l'antifebbrile) nelle sei settimane successive alla vaccinazione è scorretta.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti