In estate con i bambini bisogna fare attenzione al sole e al caldo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 04/07/2013 Aggiornato il 04/07/2013

I bambini vanno protetti contro il caldo estivo per evitare colpi di calore e scottature: bastano semplici accorgimenti

In estate con i bambini bisogna fare attenzione al sole e al caldo

Per difendere i bambini dal caldo e preservare la loro salute ecco qualche accorgimento:

Evitare le ore più calde

L’orario ideale per portare i bimbi fuori, per una passeggiata o per andare in spiaggia, è la mattina presto fino alle 11 e il tardo pomeriggio dopo le 16. In questo modo durante le ore più torride i bambini non sono esposti al caldo e ai raggi solari più nocivi.

Dargli spesso da bere

Se il bambino è allattato al seno, in genere il latte materno è sufficiente per soddisfare le esigenze di idratazione dell’organismo del bebè. Ma possono essere comunque utili delle integrazioni di acqua naturale oligominerale, se il pediatra lo consiglia. Ai bambini che sono già nella fase dello svezzamento (cioè dopo i 4-6 mesi) e ai più grandicelli, è necessario offrire spesso l’acqua da bere affinché siano integrati tutti i liquidi persi con la sudorazione dovuta al caldo e con l’evacuazione.

Usare capi in fibra naturale

Per il piccolo si devono usare solo abiti in fibra naturale come il cotone e il lino, per consentire una corretta traspirazione della cute e assorbire il sudore.

Fargli indossare il cappellino e gli occhiali

Il cappellino è l’ideale per proteggere la testa del bambino dai raggi del sole: si evitano così non solo scottature, ma anche che la testina si surriscaldi con il rischio di insolazioni e colpi di calore (pericoli seri, che causano febbre, svenimenti e malesseri generali). In commercio, poi, esistono simpatici occhiali da sole dedicati ai più piccini utilissimi per proteggere gli occhi dai raggi solari.

Farlo stare il più possibile all’ombra

Nonostante sia spesso inevitabile che il piccolo venga esposto al sole (per esempio, se gioca sul bagnasciuga), è opportuno cercare di evitare il più possibile questa esposizione. Il bambino deve stare sempre all’ombra sia quando dorme sia quando gioca. Se in spiaggia risulta difficile tener fermo il piccolo sotto l’ombrellone, è meglio trasferirsi in un parco o in un giardino all’ombra.

Non coprirlo troppo

Quasi tutti i genitori hanno la tendenza a coprire eccessivamente il piccolo, pensando che abbia freddo o per proteggerlo dai colpi d’aria. In realtà i bambini soffrono molto il caldo. Anche nelle giornate di poco sole il piccolo sta bene con braccia e gambe scoperte, libere di muoversi.

In breve

FRUTTA E VERDURA A VOLONTA’

Se il bambino non si nutre più solo di latte, ma ha già iniziato lo svezzamento, in estate bisogna potenziare l’apporto di frutta e di verdura. Questi alimenti non solo sono leggeri e non appesantiscono la digestione, ma apportano molti sali minerali, indispensabili per reintegrare quelli persi a causa della sudorazione e dell’evacuazione. Occorre comunque chiedere sempre consiglio a pediatra, per sapere quali sono i frutti e gli ortaggi più indicati da offrire al bambino in base alla sua età.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti