Influenza H1N1 bambini: sintomi, conseguenze e vaccino

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 11/01/2024 Aggiornato il 11/01/2024

L'influenza H1N1 nei bambini può avere sintomi molto diversi tra loro, dalla febbre al mal di gola, dalla nausea e vomito con stanchezza. Vediamo insieme come affrontare questo virus e quali sono le cure.

Influenza H1N1 bambini: sintomi, conseguenze e vaccino

Quali rischi comporta l’influenza H1N1 nei bambini? In questi giorni sono molti a porsi questa domanda, dopo la notizia che alcune persone adulte hanno perso la vita per le complicanze. “L’influenza H1N1 nei bambini può essere, in effetti, un problema da non sottovalutare” esordisce il virologo Fabrizio Pregliasco. “Il virus è infatti stato pandemico nell’anno 2009, quando molti dei bimbi che lo possono contrarre oggi non erano ancora nati. In seguito, si sono sviluppate varianti di questo stesso virus, quindi i più piccoli possono essere maggiormente suscettibili”. 

Quali sono i sintomi dell’H1N1

Il virus dell’influenza H1N1 provoca essenzialmente sintomi di tipo respiratorio, ma non solo. Secondo gli esperti possono comparire anche altri malesseri e per parlare davvero di H1N1 devono essercene almeno due dell’elenco seguente:

  • febbre alta, almeno dai 38 gradi in su
  • mal di gola
  • tosse
  • dolori muscolari e articolari
  • mal di testa
  • malessere generale
  • brividi
  • stanchezza

Inoltre è possibile avere problemi di:

  • inappetenza e nausea
  • vomito
  • diarrea
  • raffreddore con starnuti e congestionale nasale
  • lacrimazione e fastidio alla luce
  • sonnolenza

Influenza H1N1 nei bambini

L’ influenza H1N1 nei bambini può causare, essenzialmente, qualche problema in più di diagnosi, dal momento che i piccoli difficilmente sono in grado di descrivere i sintomi. Questo avviene soprattutto quando si presentano malesseri generalizzati, che i bimbi manifestano con pianto, nervosismo, inappetenza. Possono però comparire anche i sintomi classici dell’influenza, come:

  • febbre alta
  • laringotracheite
  • raffreddore
  • congiuntivite
  • bronchite come complicanza

Attenzione all’influenza nei più piccoli

Nei piccolissimi, ancora lattanti, il virus H1N1 si manifesta in modo ancora differente: compaiono infatti essenzialmente vomito e diarrea, difficilmente febbre. Di conseguenza è facile che questa forma virale venga scambiata con quella di una gastroenterite virale o influenza intestinale, anch’essa presente in questa stagione. Il pediatra va sempre tenuto al corrente dei malesseri del bambino. In particolare, il medico va contattato al più presto se compaiono i segnali di un peggioramento dell’infezione a carico delle vie respiratorie, quindi se si notano:

  • respiro accelerato
  • difficoltà di respirazione
  • colorazione bluastra delle mucose
  • segnali di disidratazione (pelle secca, pannolino asciutto, fontanella più evidente)
  • irritabilità estrema.

“La mortalità causata dall’H1N1 nei bambini è fortunatamente molto bassa” aggiunge il dottor Pregliasco, “Ma è essenziale non sottovalutare l’infezione e tenere sempre il pediatra aggiornato. Infatti i bambini più fragili, prematuri o con malattie croniche, possono facilmente incorrere in complicanze”.

Influenza H1N1 trasmissione e isolamento

L’ influenza H1N1 nei bambini si trasmette come gli altri virus di tipo respiratorio. Quando una persona affetta tossisce o starnutisce, nell’aria si diffondono le goccioline di Pflugge, minuscole goccioline di muco che contengono numerose particelle virali. Queste possono raggiungere persone a diversi metri di distanza, un rischio che corrono soprattutto i bambini di scuole e asili, che vivono a stretto contatto in ambienti spesso non adeguatamente aerati a causa del freddo. Il contagio può avvenire anche per contatto indiretto, ossia quando le goccioline in cui sono presenti i virus si depositano su oggetti, giocattoli, alimenti. Questi entrano poi in contatto con un altro bambino, infettandolo.

Come evitare di contrarre il virus H1N1

La trasmissione dell’influenza H1N1 nei bambini si evita nello stesso modo in cui può essere limitata negli adulti. Sono dunque consigliabili le misure di sicurezza ormai diventate parte delle abitudini quotidiane:

  • lavaggio accurato delle mani
  • disinfezione regolare con specifiche soluzioni
  • uso della mascherina nei luoghi pubblici, se il bambino è abbastanza grande da tollerarla senza difficoltà
  • tenere, se possibile, il piccolo a casa da scuola per la durata dell’influenza, che è di circa una settimana.
  • evitare che i bambini entrino in contatto con adulti fragili e anziani con altre malattie.

H1N1: tutte le cure

La diagnosi di influenza è essenzialmente clinica. Il pediatra si rende conto del problema dai sintomi e può suggerire come tenere sotto controllo i sintomi, nell’attesa della guarigione. Ecco, per quanto riguarda l’H1N1, le cure possibili:

  • il bambino dovrebbe restare a riposo, a letto o comodamente sistemato in un luogo non eccessivamente riscaldato, con un adeguato ricambio di aria
  • per controllare la febbre e i dolori, è possibile somministrare paracetamolo in dosi pediatriche o in alternativa ibuprofene, anche questo in formulazione pediatrica
  • per combattere la tosse e reidratare l’organismo in caso di diarrea o vomito, il bambino dovrebbe assumere molti liquidi, come tè deteinato, tisane, spremute di agrumi, brodo di pollo che è ricco di nutrienti importanti
  • in caso di diarrea o vomito, è bene evitare alimenti di origine animale, privilegiando riso bollito, patate o carote lesse, mele crude grattugiate, banane. I bambini allattati al seno possono continuare a esserlo
  • La congestione nasale si può alleviare umidificando l’ambiente in cui soggiorna il bambino. Sono molto utili i lavaggi nasali con acqua salina o termale, in fiale monodose o nell’apposito erogatore.

Anche per i bambini sarebbe utile prendere il considerazione il vaccino contro l’influenza, che è importante per prevenire complicanze come bronchiti, polmoniti, otiti. Si tratta di un sistema sicuro, privo di effetti collaterali e importante per tutti i bambini, soprattutto per quelli con sistema immunitario debole o con malattie croniche o autoimmuni. Il pediatra rappresenta sempre il punto di riferimento in caso di influenza H1N1 nei bambini.

Foto di ExergenCorporation per pixabay.com

 
 
 

In breve

Febbre, tosse, diarrea e stanchezza sono tra i sintomi dell’influenza H1N1 nei bambini. Il pediatra può suggerire come farli sentire meglio, assicurando riposo, tanti liquidi reidratanti e se occorre un antipiretico. Per prevenire le forme più serie è utile il vaccino.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti