Come insegnare (bene) l’inglese ai bambini piccoli?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 03/11/2022 Aggiornato il 03/11/2022

Innanzitutto, prima si comincia e meglio è, perché così si prende confidenza con la lingua e si acquisisce una pronuncia da madrelingua. Il metodo per insegnare l’inglese ai bambini, però, deve essere quello giusto. I migliori consigli

studio inglese novakid

La “paura” di una nuova lingua è un problema che affligge molto gli italiani che in generale riscontrano difficoltà nella pronuncia (nel 69% dei casi) perdendo confidenza durante i momenti di conversazione. Per questa ragione molti genitori cercano di introdurre i propri figli allo studio della lingua inglese sin dalla tenera età. Importante farlo nel modo giusto. Ecco come insegnare l’inglese ai bambini nel modo migliore.

Qual è l’età migliore per avvicinare i piccoli all’inglese?

I genitori spesso si trovano in situazioni in cui devono confrontarsi con diverse opinioni e ricerche di esperti che possono disorientarli e rendere più complessa la decisione di introdurre i propri figli alla lingua inglese. Novakid, scuola online d’inglese per bambini dai 4 ai 12 anni, ha interpellato alcuni esperti e messo a disposizione la propria esperienza per analizzare l’età migliore per introdurre i bambini alla lingua inglese in modo naturale e divertente.

Conoscere l’inglese è essenziale?

Una ricerca condotta da Novakid ha evidenziato come per il 59% degli italiani la padronanza dell’inglese sia una skill essenziale da apprendere sin da piccoli. Come strumento per lo sviluppo personale e sociale e, ovviamente, anche per accedere a possibilità lavorative migliori e come strumento utile per lo sviluppo personale e sociale dell’individuo.

Perché è bene cominciare presto?

Adrienne Laundry, Educational Content Director di Novakid, ritiene che iniziare a studiare l’inglese fin dalla prima infanzia e in età prescolare sia essenziale per ottenere una conoscenza approfondita della lingua e un’ottima pronuncia. Iniziare da bambini aiuta a sentirsi più sicuri e non avere paure. I bambini, infatti, sono molto più estroversi degli adolescenti e degli adulti, e questa caratteristica permette loro di esplorare il mondo che li circonda, lingua compresa, con molta più curiosità e naturalezza. Non si tirano indietro di fronte a un errore e prestano meno attenzione a ciò che gli altri potrebbero dire o pensare di loro. Molti studi, infatti, hanno dimostrato che l’ansia e la paura di sbagliare sono uno dei fattori principali che creano una barriera linguistica nell’apprendimento di una nuova lingua. Questi ostacoli, tuttavia, sono senza dubbio più facili da superare in giovane età, dato che il metodo di insegnamento è diverso e più immersivo.

Imparare una lingua può essere stressante per i piccoli?

No, se si adotta il giusto approccio. «In questo modo lo studio di una lingua straniera diventa solo un altro gioco per scoprire la realtà: i bambini ridono, giocano, fanno esercizi interattivi e si divertono. Grazie alla partecipazione attiva, il bambino ha maggiori opportunità di praticare la lingua in un ambiente privo di stress e di gettare le basi per gli studi futuri» commenta l’esperta.

 

 

 
 
 

In sintesi

L’accento da madrelingua si impara da piccoli?

Numerosi studi hanno dimostrato che per ottenere una pronuncia priva del proprio accento natale bisogna iniziare da giovani, preferibilmente prima dei 5 anni. «Più si diventa grandi, più è difficile mascherare l’accento nativo, soprattutto dopo la pubertà. Il motivo è che il cervello del bambino si sta ancora sviluppando e per lui è più facile imitare la pronuncia corretta. Si può ottenere una pronuncia simile a quella di un nativo anche in età più avanzata, ma ci vorrebbe molto più tempo e impegno» afferma sempre Adrienne Laundry. Uno studio della Northwestern University ha dimostrato che sistemi di fibre del cervello responsabili della funzione linguistica e del pensiero associativo, crescono più rapidamente nell’intervallo di età compreso tra i 6 e i 13 anni, ma già dopo i 12 anni la capacità di imparare una nuova lingua diminuisce: se ne deduce che è meglio affrettarsi.

Qual è un buon metodo per imparare l’inglese?

Sicuramente quello Novakid. Il programma ideato dai docenti Novakid è coinvolgente e tiene conto delle esigenze dei bambini e dei pre-adolescenti. La piattaforma offre la possibilità di frequentare lezioni individuali di 25 minuti, la cui durata è stata pensata in modo che venga interamente colta l’attenzione dei bambini senza farli stancare troppo. L’idea è che, tramite le lezioni Novakid, i bimbi vivano una vera e propria immersione linguistica, facendo pratica con insegnanti madrelingua, e ne colgano tutti i numerosi vantaggi, imparando velocemente e correttamente.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti