Insonnia da smartphone: attenzione ai bambini

Pamela Franzisi
A cura di Pamela Franzisi
Pubblicato il 04/03/2019 Aggiornato il 04/03/2019

La luce dei dispositivi digitali è dannosa sempre ma soprattutto alla sera, quando provoca disturbi del sonno. Gli esperti parlano già di insonnia da smartphone, anche per i bambini

Insonnia da smartphone: attenzione ai bambini

La luce di tablet e cellulari è dannosa per gli occhi di bimbi e adolescenti. In più, se i dispositivi digitali sono utilizzati di sera possono alterare i ritmi sonno-veglia e causare disturbi del sonno come una sorte di insonnia da smartphone.

Stimoli elettronici sotto accusa

Gli stimoli elettronici compromettono il sonno. Una ricerca, oggi, approfondisce la questione soffermandosi sui livelli di stress che possono causare. Secondo lo studio, condotto dall’università del Colorado-Bolder, pubblicata sulla rivista Pediatrics, su 454 adolescenti analizzati il 60% va a letto con il cellulare e il 45% lo usa come sveglia.

A letto troppo tardi

Supera invece il 90% la percentuale di bambini e ragazzi tra i 5 e i 17 anni che vanno a letto più tardi e che dormono poco. I bambini e gli adolescenti hanno, infatti, degli occhi delicati, ancora in fase di sviluppo, con pupille in proporzione più grandi e quindi più vulnerabili. Sono, quindi, più sensibili alla luce, la quale regola i ritmi sonno-veglia. “Quando la luce colpisce la nostra retina durante le ore serali, invia una cascata di segnali al sistema circadiano al fine di tenere a bada la melatonina e a ritardare il sonno”, spiega Monique LeBourgeois, autrice dello studio.

Tre cause alla base

Secondo gli autori della ricerca, lo schermo dei dispositivi digitali disturbano il sonno fino a provocare insonnia da smartphone, in particolare, per tre motivi:

     i contenuti a cui sono sottoposti bambini e ragazzi sono troppo stimolanti, specie nel caso dei videogiochi;

2      la luce e la lunghezza d’onda che trasmettono tablet e smartphone influiscono sulla fisiologica durata del sonno, abbassando il livello di melatonina del corpo;

3     uno schermo così piccolo a portata di mano di bambini e giovani permette loro di guardare a letto video o social sfuggendo al controllo dei genitori e ritardando il tempo del sonno.

 
 
 

DA SAPERE

3 REGOLE PER I GENITORI

Per evitare problemi è meglio rimuovere tutti i dispositivi elettronici dalla stanza da letto dei bambini e stabilire delle regole per limitarne l’utilizzo prima della nanna. Fondamentale è, inoltre, dare il buon esempio.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti