Ipermetropia bambini: che cos’è, le cause e come si cura

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 06/09/2023 Aggiornato il 06/09/2023

Disturbo visivo non semplice da individuare, l’ipermetropia può interessare anche i bambini e in caso di familiarità è utile iniziare molto presto con le visite specialistiche

L'ipermetropia è un difetto congenito, per cui possono soffrirne in maniera più o meno grave anche i bambini. Ecco i segnali da osservare, le visita da fare e le eventuali cure per correggere il difetto

Difetto congenito che porta a vedere in modo sfocato gli oggetti vicini rispetto a quelli distanti, l’ipermetropia è un problema di refrazione, a causa del quale l’occhio non riesce a mettere fuoco la luce in ingresso e ricostruisce l’immagine dietro la retina, ragion per cui l’immagine stessa risulta sfocata.  Si tratta di una problematica molto comune, che si presenta soprattutto con l’avanzare dell’età, ma che può interessare anche i bambini e insorgere in contemporanea con astigmatismo e presbiopia.

Le cause dell’ipermetropia

Come detto, l’ipermetropia si verifica quando la luce prodotta da ciò che si guarda viene focalizzata dietro la retina, anziché direttamente su di essa. Diverse le cause che possono provocarla, tra queste: una curvatura della cornea non sufficiente, un cristallino mal formato o un bulbo oculare è troppo corto.

A queste si aggiunge l’alto grado di ereditabilità dell’ipermetropia, oltre a fattori più particolari, come traumi della vista, complicanze durante la gravidanza e patologie che influiscono in modo pesante sullo sviluppo e la crescita dei bambini.

Ipermetropia e il fattore età

Nell’ipermetropia il fattore età svolge un ruolo importante. Il disturbo in sé, infatti, essendo congenito, non peggiora con l’avanzare degli anni, ma si accentua per via di una maggiore difficoltà a compensarlo attraverso il cosiddetto meccanismo dell’accomodazione, che porta l’occhio a mettere a fuoco sfruttando la capacità di adattarsi del cristallino. Ed è proprio questo processo che, dopo i quarant’anni, inizia a perdere la propria efficienza di bilanciamento. Chiaro, dunque, come nei primi anni di vita le forme lievi di ipermetria vengano corrette in modo naturale e senza grandissimi sforzi dagli occhi dei bambini, che riescono a limitare molto bene la visione sfocata.

Sintomi ipermetropia bambini

Riuscire a intercettare subito il problema è fondamentale per aiutare gli occhi del bambino ipermetrope a correggerlo. Essendo spesso asintomatica nelle prime fasi, l’ipermetropia nei bambini non è così semplice da individuare. Esistono, però, alcuni campanelli d’allarme che possono agevolarne il compito. Tra i sintomi più frequenti, ritroviamo mal di testa, lacrimazione, bruciore, ipersensibilità alla luce.

Se trascurata, infatti, anche l’ipermetropia lieve nei bambini può peggiorare, affaticando gli occhi, con tutto quello che comporta, tra difficoltà a leggere anche a media distanza, e relative possibili ripercussioni sull’apprendimento. Nei casi più accentuati, trascurare l’ipermetropia può portare i piccoli a sviluppare strabismo o la cosiddetta sindrome dell’occhio pigro.

Cura ipermetropia bambini

L’età e il completo sviluppo dell’occhio portano, nella maggior parte dei bambini, a una guarigione naturale delle forme lievi di ipermetropia. Come detto, però, per agevolare la progressione verso l’ottimizzazione visiva è importante scoprire precocemente il difetto. Sottoporre il piccolo a un controllo specialistico è, dunque, il primo fondamentale passo per scongiurare che il problema peggiori.

La prima visita, specie se c’è familiarità, può essere svolta già dai sei mesi di vita e rivelare eventuali disturbi. Importante, poi, sostenere il primo vero controllo approfondito attorno ai tre anni e, poi, ogni due durante l’età scolare. In caso di ipermetropia accertata, controlli regolari permettono di valutarne il decorso. Questo è importante fino ai dieci-dodici anni, periodo cruciale per lo sviluppo della vista.

Nella maggior parte dei casi, è sufficiente far indossare al piccolo un paio di occhiali correttivi, da utilizzare principalmente quando fa i compiti, durante la lettura e in tutti quei momenti in cui sforza gli occhi per mettere a fuoco a breve distanza. Nei casi più gravi, tuttavia, potrebbe anche essere necessario ricorrere a un trattamento di chirurgia laser,  che, però, in genere gli oculisti indicano per i più piccoli solo come estremo rimedio, visto che gli occhi devono ancora completare la propria fase di sviluppo.

 

 

 
 
 

In sintesi

Essendo un fattore congenito, l’ipermetropia nei bambini è presente fin dalla nascita. Diverse possono essere le cause, ma è importante accorgersene in tempo e, specie con casi in famiglia, rivolgersi a uno specialista già dopo i primi 6 mesi di vita.

 

Fonti / Bibliografia

  • IpermetropiaL'ipermetropia è un difetto di refrazione per il quale la vista degli oggetti vicini risulta maggiormente sfocata rispetto a quelli lontani.
  • 403 Forbidden
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti